Dalla Fondazione Sanpaolo 155 mila euro al bosco urbano di Poirino

1416

Il progetto per la creazione di un bosco urbano a Poirino ha vinto un bando della Fondazione Compagnia di Sanpaolo per il restauro ambientale.

bosco urbano Poirino
Il bosco urbano di Poirino sarà a disposizione della popolazione, oltre a rappresentare un importante polmone verde per il paese [immagine di repertorio].
Il progetto per la creazione di un bosco urbano a Poirino continua a raccogliere consensi, e fondi.

Nei giorni scorsi, infatti, la Fondazione Compagnia di Sanpaolo ha deliberato un contributo di 155 mila euro a favore del Comune, che aveva partecipato al bando “Restauro ambientale sostenibile” della missione “Proteggere l’ambiente per la valorizzazione del capitale naturale – Obiettivo Pianeta”.

La Compagnia di Sanpaolo ha selezionato solamente otto delle 119 proposte pervenute, tra cui la nostra“, sottolinea soddisfatta il sindaco Angelita Mollo, che nei mesi scorsi aveva già incassato la vittoria al premio Cresco Award per le città sostenibili.

Secondo la Fondazione, infatti, il progetto del bosco urbano poirinese “restituisce un quadro ampio e diversificato di come un investimento sul capitale naturale possa generare impatti positivi sui territori e sulle Comunità“.

Il bosco, di oltre 7 mila metri quadri, sorgerà alla confluenza di via Pralormo, via Caduti di Nassirya e la strada Regionale 29, a ridosso dell’abitato. Oltre ad offrire siti di nidificazione, di riparo e di alimentazione per numerose specie di uccelli, sarà utilizzabile dalla popolazione: prevista, infatti, l’installazione di una struttura ricreativa, bagni, panchine e un punto di informazione dedicato anche alle essenze arboree presenti.

Il bando a cui ha partecipato con successo il Comune di Poirino è stato studiato per contribuire a raggiungere gli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, in particolare l’obiettivo numero 15 “Vita sulla Terra”.

Obiettivi di Sviluppo Sostenibile: l’impegno delle Nazioni Unite per salvare il Pianeta entro il 2030