Fondi regionali per l’archivio storico comunale di Villastellone

252

Il consigliere regionale ed ex sindaco di Villastellone Davide Nicco annuncia che la Regione Piemonte finanzierà il recupero e la catalogazione dell’archivio storico comunale «un patrimonio di memoria, storia e civiltà».

archivio storico villastellone
Il consigliere regionale Davide Nicco, ex sindaco di Villastellone

Grazie a un contributo della Regione Piemonte di 9.600 euro sarà completata la catalogazione, ordinamento e conservazione dell’archivio storico del Comune di Villastellone.

È il risultato del bando 2023 della legge regionale 11/2018, che sostiene Enti privati e pubblici in attività di conservazione, descrizione, catalogazione e digitalizzazione di archivi e patrimonio documentale di interesse culturale.

Giorgia Riondino, da Villastellone a New York: il suo volto sui cartelloni di Times Square

Ne dà notizia il consigliere regionale Davide Nicco, già Primo Cittadino di Villastellone: «È l’ultimo step che corona un lavoro che avevo già intrapreso da sindaco nel 2011 -commenta- Per qualsiasi Comunità, il proprio patrimonio documentale è fonte di memoria, di storia e di civiltà: salvaguardarlo, valorizzarlo e renderlo fruibile a tutti vuol dire conoscere le proprie radici e far crescere la coesione sociale che si cementa attorno all’identità».

E aggiunge: «Per Villastellone è poi una grande soddisfazione, perché il Comune rientra nel ristretto novero dei 34 soggetti pubblici di tutto il Piemonte che vedranno finanziati dalla Regione i propri progetti, accanto a grandi centri come Torino e storiche istituzioni come l’Università di Torino, l’Accademia Albertina, l’Ordine Mauriziano e il Conservatorio Giuseppe Verdi».

Nicco: «più fondi ai Comuni per sostenere la raccolta differenziata dei rifiuti»

L’attuale sindaco Francesco Principi illustra quindi la natura e il significato degli interventi che verranno realizzati: «Il contributo regionale va ad aggiungersi ai 2.400 che metterà il Comune, per giungere a un importo complessivo di 12.000 euro -specifica- La nuova tranche di lavori riguarda la completa catalogazione informatica, la digitalizzazione dei documenti particolarmente significativi e l’adeguata conservazione del Fondo aggregato della Congregazione di Carità, custodito in 20 scatole da un metro lineare ciascuna che ora potranno trovare spazio in tre sale dello storico palazzotto recuperato con i fondi del PNRR».

Il riordino sarà affidato ad Acta Progetti, società di comprovata esperienza in campo archivistico, che già ha seguito fin dall’inizio i lavori di riordino dell’archivio storico villastellonese. «Ringrazio il consigliere regionale Nicco per l’impegno che corona un lavoro intrapreso da anni e che ora ci ha consentito di conseguire questo risultato».

Notizie gratis ogni giorno con il canale Whatsapp de “Il Carmagnolese”