Gioventù Nazionale contro il deposito di scorie radioattive a Carmagnola

939

Il carmagnolese Lorenzo Stella, presidente provinciale di Gioventù Nazionale, si dice contrario al nuovo deposito di scorie radioattive a Carmagnola.

Lorenzo Stella Gioventù Nazionale scorie radioattive
Lorenzo Stella con il referente cittadino FdI, Bartolo Collo, e il consigliere regionale Marrone (foto: Facebook)

Riceviamo dal presidente provinciale di Gioventù Nazionale, il carmagnolese Lorenzo Stella, un comunicato in merito all’ipotesi di realizzare a Carmagnola il deposito nazionale di scorie radioattive.

Gli italiani si sono svegliati il 5 gennaio con una nuova lista di siti idonei ad ospitare un nuovo deposito di scorie radioattive firmata dal Governo. La inattesa comparsa del territorio carmagnolese in questa lista ha gettato nel panico tutti i cittadini.

Carmagnola tra i possibili siti per il deposito nazionale di scorie nucleari

Riteniamo però che questo annuncio debba interessare in particolar modo i giovani carmagnolesi: sono loro, visti i tempi di realizzazione, che potrebbero dover convivere con il deposito.

Questo progetto contribuisce a creare spaccature fra le comunità e i cittadini che rischiano di veder realizzato il deposito nel proprio Comune, visto che ovviamente nessuno lo ospiterebbe volentieri.

Che caratteristiche avrà il deposito nazionale delle scorie nucleari?

Creare ulteriori divisioni in questo difficile periodo storico non dovrebbe essere obiettivo di alcun Governo competente. Se questa pandemia ci ha insegnato qualcosa, infatti, dovrebbe essere una maggiore attenzione alla salute dei cittadini, anche a costo di un minor guadagno economico.

Se poi vogliamo guardare anche l’aspetto economico, c’è anche da dire che da pochi anni molti giovani carmagnolesi hanno ricominciato a dedicarsi, con tutte le innovazioni tecnologiche, all’agricoltura e all’allevamento riscoprendo le radici e le tradizioni che hanno reso il nostro territorio così florido.

Deposito nazionale delle scorie nucleari, è pubblica la mappa dei 67 siti idonei in Italia

Preferiremmo dunque vedere sempre più progetti e aiuti dedicati a queste realtà così vicine alla nostra cultura invece di un deposito di scorie radioattive.

Lorenzo Stella
Presidente di Gioventù Nazionale – provincia di Torino

Scorie nucleari a Carmagnola, sopralluogo al sito individuato per il deposito