I filtri per auto: a cosa servono e quando vanno sostituiti

541

Tutte le auto che escono dalla fabbrica sono dotate di un certo numero di filtri. Questi piccoli ma importanti accessori, posizionati in differenti parti dell’autovettura, assolvono a diverse funzioni, rendendo il funzionamento dell’auto più sicuro ed efficiente.

filtri auto

Illustrazione di filtri per auto con euautopezzi.it

Tra i filtri installati quattro meritano un’attenzione particolare in virtù della loro importanza:

  • Il filtro olio motore
  • Il filtro aria
  • Il filtro antipolline
  • Il filtro carburante

Come tutti i componenti dell’auto, anche questi filtri con l’andar del tempo sono soggetti ad usura e devono essere sostituiti. Vediamo pertanto di spiegare in modo chiaro a cosa essi esattamente servano, fornendo alcuni consigli pratici circa la loro manutenzione.

  • Il filtro olio motore, come il termine stesso indica, assolve al compito di filtrare l’olio, impedendo che elementi impuri entrino in circolo. Il cambio di questo filtro dovrebbe essere preferibilmente effettuato una volta superata la soglia dei 10.000-15.000 km di percorrenza. Trattandosi di un’operazione alquanto complessa, per questo compito ci si dovrebbe rivolgere ad un meccanico specializzato, anche in quanto un’installazione non corretta potrebbe causare gravi danni al motore.
  • Il filtro carburante ha la funzione di filtrare il carburante, prima che questo entri in circolo. Il cambio di questo filtro dovrebbe preferibilmente avvenire una volta superata la soglia dei 20.000-25.000 km di percorrenza. Va detto che si tratta di un valore di massima, che può variare a seconda del tipo di vettura. Anche in questo caso, trattandosi di un’operazione abbastanza complessa, sarebbe consigliabile affidare la sostituzione del filtro carburante alle mani di un esperto meccanico.
  • Il filtro dell’aria, un componente importante dell’impianto di alimentazione dell’auto, assolve alla funzione di filtrare l’aria che dall’esterno viene incanalata nel circuito del motore, depurandola dalle impurità che possono essere trasportate (foglioline, granelli di sabbia ecc.). Questo filtro viene solitamente installato all’interno di una scatola di plastica, posizionata sopra il motore. La sostituzione di questo componente dovrebbe avvenire una volta superata la soglia dei 100.000 km di percorrenza. Il cambio del filtro dell’aria non è un’operazione particolarmente complicata e può essere effettuato anche da soli nel garage di casa. A tal proposito, facendo una mirata ricerca su internet, si possono trovare dei video tutorial molto chiari, con delle indicazioni sul da farsi.
  • Il filtro antipolline, anche noto come filtro abitacolo o filtro cabina, assolve alla funzione di filtrare l’aria che dall’esterno viene immessa nell’abitacolo, trattenendo particelle di smog, pollini e fumi nocivi. Questo accessorio non è solo responsabile della qualità dell’aria che conducente e passeggeri respirano all’interno dell’automobile; infatti essendo anche in grado di trattenere le particelle di umidità, riesce ad impedire l’appannaggio dei vetri dall’interno, particolarmente fastidioso soprattutto durante la guida. Il filtro antipolline andrebbe di norma sostituito ogni 10.000 km di percorrenza. Non essendo un’operazione particolarmente complicata, questo cambio può essere effettuato in modo quasi intuitivo anche da soli. Pure in questo caso, si può ricorrere ai video tutorial, che numerosi sono disponibili su internet.