Il Mappamondo, Carmagnola e il Coronavirus

2134

Il racconto di Ilaria, titolare dell’edicola-cartoleria “Il Mappamondo” in via Valobra, a Carmagnola, che dopo dodici anni, per l’emergenza Coronavirus, ha deciso di abbassare la saracinesca della sua attività.


Nell’ambito della nostra rubrica “Carmagnola ai tempi del Coronavirus” abbiamo ricevuto questa foto e questo testo da parte di Ilaria Sibona, la titolare -insieme alla madrina Ivana- di un’edicola-cartoleria di via Valobra, “Il Mappamondo”.
Abbiamo scelto di pubblicarla a parte, per raccontare la storia di una piccola attività carmagnolese in questi giorni difficili, la storia delle persone che grazie a questa attività (e per questa attività) vivono ogni giorno.
A loro e a tutti i commercianti carmagnolesi va un simbolico ma affettuoso abbraccio da parte della Redazione!

Gentile Redazione de “Il Carmagnolese”,

io e la mia madrina Ivana abbiamo una piccola edicola cartoleria in via Valobra, sulla destra andando da piazza Sant’Agostino verso piazza Garavella, dopo Teresa e Luigina, le fioraie Parani, in fronte alla gioielleria di Lia e Anna. Per intenderci, quella che tantissimi anni fa era la cartoleria dei Gili e dei Banchio…
L’attività è stata rilevata circa vent’anni fa da mia madrina, aiutata da mia mamma. Poi, dodici anni fa, sono entrata anche io lì.

Sabato scorso, a malincuore, abbiamo deciso di chiudere per ferie la nostra attività (nonostante il decreto ci desse la possibilità di rimanere aperti come edicola), dopo dodici anni durante i quali non abbiamo mai chiuso per ferie.

Tirare giù la saracinesca e attaccare quel cartello ci è costato tanto, e non parlo solo di denaro, ma di tutti i nostri clienti, persone che giorno dopo giorno conosci, con i quali insaturi un rapporto di amicizia, e che in questi giorni pensi, sperando che stiano bene.

Tutti i nostri vicini di negozio, che poco per volta hanno chiuso.
E tutti quelli che ancora sono aperti e nonostante la paura sono lì, tutti i giorni, a offrirci un sevizio indispensabile.
Mentre attaccavo quel cartello, ho pianto. Di paura, di tristezza.
Poi mi sono girata indietro, un ultimo sguardo alla via deserta.
E questo è quello che ho visto.

Ilaria Sibona

Ilaria Sibona Il Mappamondo via Valobra Carmagnola
p.s. solo nel momento in cui ho dovuto chiudere, mi sono veramente resa conto di quante emozioni, di quante storie gioie e dolori sono passate, e spero ritorneranno a passare, tra quelle quattro vecchie mura.