Niente navette per le frazioni nel mese di agosto: è polemica

638

Scontro M5S-Giunta sulla sospensione estiva delle navette “a chiamata” che collegano al centro le frazioni di Casanova, Cavalleri, Oselle, Tetti Grandi e Vallongo.

grosso e Mastrototaro m5S polemica navette
I consiglieri M5S

«In estate, le navette del servizio di trasporto pubblico locale non devono andare in ferie!». Nella seduta di ieri del Consiglio comunale è stata polemica tra il Movimento 5 Stelle e la Giunta Gaveglio.
Al centro della discussione, la sospensione nel mese di agosto delle navette “a chiamata” che collegano alcune frazioni: Casanova, Cavalleri, Oselle, Tetti Grandi e Vallongo.

«Bisogna garantire, anche a chi vive lontano dal centro, la possibilità di potersi spostare almeno una volta al giorno per fare la spesa, andare a una visita medica o in farmacia, recarsi negli uffici pubblici. l’accusa dei consiglieri pentastellati, Sergio Grosso e Alberto MastrototaroNon è normale che, nel 2018, dei cittadini debbano prendere un taxi o affidarsi al passaggio da parte di un vicino di casa».

La replica è venuta dall’assessore ai trasporti, Alessandro Cammarata. «In agosto non si svolge il servizio fin dagli anni Sessanta e non è mai stato garantito, neppure dall’introduzione delle navette, nel 2009. Vista l’estensione territoriale di Carmagnola, risulta impossibile assicurare sempre e a tutti il trasporto pubblico. È anche una questione di risparmio, dato che le navette costano circa 2 euro al chilometro e, in media, le usano 19 persone al mese».

Una risposta che non ha soddisfatto il M5S: «Stando alla convenzione stipulata tra il Comune e il Consorzio Extra.To, gestore del trasporto urbano, è previsto il servizio per tutti i 12 mesi», ha dichiarato Grosso, facendo anche notare come la flotta dei bus urbani necessiti a breve di un aggiornamento, avendo al suo interno ancora diversi mezzi Euro 0 ed Euro 2.