“NormalMente”: la Consulta Giovanile per i diversamente abili

441

Ha preso avvio “NormalMente”, il progetto di Comune e Consulta Giovanile di Carmagnola per creare occasioni di incontro virtuale rivolto alle strutture residenziali per persone diversamente abili. Le attività sono comunque fruibili da tutti, tramite Facebook.

Normalmente CarmagnolaHa preso il via il nuovo progetto voluto dall’Assessorato alle Politiche giovanili e alle Politiche sociali del Comune di Carmagnola e gestito dai volontari della Consulta Giovanile Carmagnolese, coordinata dal consigliere incaricato Diego Quaterni.

L’iniziativa è stata pensata e realizzata per creare occasioni di incontro e di attività virtuali rivolte in particolar modo alle due strutture residenziali per i diversamente abili presenti in città, Casa Roberta e Gruppo Appartamento, ma è aperta a tutti i cittadini interessati.

Il progetto nasce, in questo momento di grande crisi dovuta all’emergenza Coronavirus dalla segnalazione di un disagio ancora più grande per questi gruppi di persone fragili, che sono in attualmente isolate per questioni sanitarie“, spiegano i promotori dell’iniziativa.

Supporto didattico a distanza con la Consulta Giovanile Carmagnolese

All’interno della Consulta Giovanile, Giulia Crivello, coordinatrice, coadiuvata da Alessia Maiolo e Fabrizio Turello, ha promosso l’avvio del progetto, che comprende una serie di attività diversificate: dall’informazione all’attività motoria, dalle esperienze laboratoriali all’arte e alla musica.
Le due strutture residenziali sono state dotate di pc e webcam grazie alla generosità di sponsor locali.

Indicativamente il lunedì alle 17 si terrà un momento informativo in modalità semplificata; il martedì alle 18,30 sarà il momento delle attività motorie da praticare in casa; il sabato attività di pasticceria e bricolage, alternate a spettacoli musicali, di magia, eccetera.
Il calendario giornaliero delle attività sarà pubblicato sulla pagina Facebook del progetto NormalMente.

Il calendario è in costante aggiornamento e si avvale della collaborazione di tutti coloro che hanno buona volontà ed una webcam per mettersi in contatto -spiegano dalla Consulta- I materiali saranno poi a disposizione sulla pagina Facebook e potranno essere utilizzati e fruiti da chiunque, bambini e anziani compresi“.
Ulteriori informazioni possono essere richieste all’indirizzo email normalmente.consulta@gmail.com.

Allenarsi da casa: l’attività fisica ai tempi del Covid-19

Commenta il sindaco, Ivana Gaveglio: “Siamo molto soddisfatti della collaborazione e della disponibilità dei giovani della Consulta, che hanno colto con entusiasmo la proposta lanciata dall’Amministrazione. Come in altre occasioni, i giovani stanno dimostrando di avere a cuore la città e i suoi abitanti, i particolare i più fragili. Un atteggiamento che ci fa guardare al futuro con speranza”.

Il consigliere incaricato, Diego Quaterni aggiunge: “Il progetto intende offrire un supporto alternativo, ma nello stesso tempo concreto ed innovativo, per consentire lo svolgimento di attività ricreative e promuovere il mantenimento dei rapporti interpersonali in questo periodo di emergenza Coronavirus. Un ringraziamento va a coloro che hanno contribuito alla sua realizzazione”.