Nuovo bando per l’organizzazione della Fiera del Peperone di Carmagnola

261

Il Comune di Carmagnola ha pubblicato un bando di manifestazione di interesse per individuare chi organizzerà e gestirà la Fiera nazionale del Peperone e il Foro Festival nel triennio 2024-2026: un affare da oltre 1,5 milioni di euro.

bando fiera peperone carmagnola
Il Comune di Carmagnola è alla ricerca di ditte qualificate a cui affidare l’organizzazione e la gestione della Fiera nazionale del Peperone e del Foro Festival di quest’anno e dei prossimi due [immagine di repertorio © Il Carmagnolese]
Con un avviso di manifestazione di interesse pubblicato ufficialmente all’albo pretorio, il Comune di Carmagnola ha aperto le procedure del bando per assegnare l’organizzazione e la gestione della Fiera nazione del Peperone e del Foro Festival nel triennio 2024-2026.

«Dopo la positiva esperienza dell’ultima edizione, abbiamo deciso di rendere più strutturale l’affidamento della manifestazione a ditte private esterne, con il Comune che mantiene un ruolo di indirizzo e di regia», spiega l’assessore alle manifestazioni, Domenico La Mura, annunciando che «a settembre ci saranno grandi novità».

In 300 mila alla Fiera del Peperone 2023: i numeri di un successo

Questa volta, però, l’appalto per organizzare e gestire il più importante evento cittadino -in grado di richiamare oltre 300 mila visitatori in dieci giorni– sarà relativo a tre anni.

«Una scelta dettata dal voler dare il giusto tempo alla ditta di “prendere le misure” della manifestazione e anche per consentire di avere un ritorno di eventuali investimenti», specifica La Mura.

Il totale dell’importo che sarà messo a gara è di 450 mila euro (150 mila per ogni edizione), ma il volume d’affari stimato ammonta a oltre un milione e mezzo di euro, calcolato in 520 mila euro all’anno tra contributo comunale e introiti dagli espositori e dagli spettacoli.

I Pinguini Tattici Nucleari elogiano la Fiera del Peperone di Carmagnola

La ricerca è rivolta a ditte che abbiano gestito e svolto, nell’ultimo triennio, almeno due manifestazioni di respiro sovra-regionale a tema gastronomico e commerciale, di durata non inferiore ai tre giorni e con un minimo di 80 operatori ciascuna.

Analogamente, per potersi candidare, bisogna anche aver organizzato, dal 2021 a oggi, almeno quattro concerti con artisti di rilevanza nazionale. Si richiede inoltre un fatturato annuo non inferiore ai 150 mila euro.

«In questo modo selezioniamo aziende con una buona esperienza e una struttura tale da poter puntare ancora più in alto con la Fiera e con il Festival, facendo un ulteriore salto di qualità», conclude l’assessore.

Le domande di partecipazione alla gara dovranno essere presentate entro il 2 aprile.

Torna l’ipotesi del marchio IGP per il Peperone di Carmagnola