Pd e lista Elia portano in Consiglio diverse richieste di messa in sicurezza

225

In vista della riunione del Consiglio comunale di Carmagnola di domani, giovedì 3 marzo, il Partito Democratico e la lista Elia hanno presentato diverse interpellanze relative a richieste di messa in sicurezza del territorio.

via torino carmagnola messa in sicurezza
La carenza di parcheggi e di sicurezza stradale in via Torino, dopo gli interventi alla viabilità della scorsa estate, è oggetto di un’interpellanza da parte del centrosinistra in Consiglio comunale

In vista della riunione del Consiglio comunale di Carmagnola di domani, giovedì 3 marzo, il Partito Democratico e la lista Elia hanno presentato diverse interpellanze relative a richieste di messa in sicurezza del territorio.

Al centro, innanzitutto, borgo Salsasio, oggetto di due diverse segnalazioni alla Giunta Gaveglio. “In via Torino, oggi, c’è il caos -denunciano i consiglieri di centrosinistra- Il restringimento della carreggiata, frutto di alcuni lavori svolti in passato, fa sì che vi siano diversi punti in cui automobili, furgoni e camion sostano lungo la strada, costringendo gli altri veicoli a manovre spesso azzardate, rendendo molto pericolosa la zona“.

In particolare, il dito è puntato verso gli incroci con via Castagnole, via Bardonecchia e via Bussoleno. “L’Amministrazione è a conoscenza di questa situazione? Non si può modificare il piano parcheggi di quella zona?“, attaccano dai banchi dell’opposizione.

Consiglio comunale di Carmagnola, tra interpellanze e mozioni

Sempre a Salsasio, i rappresentanti della minoranza denunciano la poca sicurezza dell’accesso alla pista ciclabile che collega la rotonda dei Ceis a via Asilo: “vi è un fosso non protetto, l’illuminazione non risulta sufficiente e il fondo è disconnesso“.

Altre problematiche che saranno portate all’attenzione del Consiglio comunale carmagnolese riguardano quindi il tratto di via Chiffi nei pressi del “vecchio mulino”, in Borgo Vecchio, dove manca quasi del tutto un marciapiede per tutelare l’incolumità di chi è a piedi, in bicicletta o in carrozzina.

Riportiamo anche le proteste dei residenti nella zona, che chiedono la sistemazione dell’area, sia dal punto di vista della sicurezza che del decoro urbano, dato che la parte di canale a oggi rimasta scoperta è diventata un ricettacolo di immondizia, topi e nutrie, oltre a essere invasa da erbacce e sterpi“, concludono da Carmagnola Insieme, chiedendo all’Amministrazione di intervenire.

Oltre tre milioni per la sicurezza di edifici e del territorio di Carmagnola