Raccolta fondi online per il progetto NormalMente

915

Il 2 novembre 2020 partirà la raccolta fondi organizzata dalla Fondazione di Comunità di Carmagnola per il progetto NormalMente, rivolto alle persone con disabilità.

raccolta fondi Normalmente Carmagnola
Progetto NormalMente: il 2 novembre ha inizio la raccolta fondi organizzata dalla Fondazione di Comunità di Carmagnola.

Lunedì 2 novembre 2020, avrà inizio la raccolta fondi online, il cosiddetto crowdfunding, organizzata dalla Fondazione di Comunità di Carmagnola a favore del progetto NormalMente, rivolto alle persone con disabilità e alle loro famiglie.

Nato durante il lockdown, grazie all’impegno della Consulta Giovanile Carmagnolese, NormalMente si pone l’obiettivo di supportare e restituire la quotidianità a una delle categorie più fragili in questo periodo di isolamento attraverso l’organizzazione di attività ludiche e ricreative online.

La tipologia dei servizi offerti è vasta: si passa dai telegiornali facilitati e dalla scuola di cucina ai corsi di ginnastica e agli incontri di condivisione.

Al momento, sono più di una sessantina le persone che partecipano al progetto, tra cui 50 persone con disabilità, a cui si aggiungono poi le relative famiglie, e 18 volontari. Oltre alla Fondazione di Comunità di Carmagnola, promotrice del progetto, gli Enti coinvolti sono il Comune di Carmagnola, la Cooperativa Sociale Solidarietà Sei Onlus, Casa Roberta e la Consulta Giovanile di Carmagnola.

“NormalMente”: la Consulta Giovanile per i diversamente abili

Il crowdfunding mira a raccogliere 12.000 euro, finalizzati allo sviluppo del servizio per renderlo accessibile a un numero sempre maggiore di persone.

In generale, i fondi saranno destinati a quattro diversi scopi: innanzitutto, si cercherà di garantire per un anno il supporto di educatori e professionisti nei luoghi in cui i soggetti fragili vengono ospitati. Si punterà inoltre ad acquistare tre computer e un abbonamento streaming e a creare un sito internet del progetto.
E, non ultimo, una parte dei fondi sarà riservata alla realizzazione di campagne di sensibilizzazione, utili a far avvicinare sia persone con disabilità sia nuovi volontari.

Chi desiderasse contribuire allo sviluppo del progetto, può cliccare sul link apposito che verrà attivato il 2 novembre, giorno di apertura della raccolta fondi. Inoltre, sul sito della Fondazione è possibile trovare ulteriori informazioni: per eventuali dubbi, l’Ente è raggiungibile ai seguenti indirizzi di posta elettronica: fundraising@fondazionecarmagnola.it e serena.corongi@fondazionecarmagnola.it.

Carlo Boasso, presidente della Fondazione di Comunità di Carmagnola, si dichiara molto entusiasta di questa iniziativa: “Quando ci hanno raccontato questo progetto ci siamo subito resi conto dell’impatto positivo che ha avuto sulla Comunità e dell’impegno dei volontari, che hanno saputo prontamente rispondere a un bisogno concreto, quello di supportare i ragazzi con disabilità e le loro famiglie in un momento di difficoltà, da loro percepito come surreale”.

La piscina di Carmagnola è per tutti: inaugurato il sollevatore per disabili