Racconigi, la minoranza interroga il Consiglio sulla carenza di medici di base

205

La lista civica di opposizione “Patrizia Gorgo Sindaco per Racconigi” ha presentato un’interrogazione in Consiglio comunale per evidenziare il problema della carenza di medici di base nel Comune. 

La dottoressa di base D’Alesio, operante sul territorio racconigese, ha cessato la sua attività [immagine di repertorio]
Durante l’ultima seduta del Consiglio comunale di Racconigi, il gruppo di minoranza “Lista Civica Patrizia Gorgo Sindaco per Racconigi” ha presentato un’interrogazione al sindaco Valerio Oderda riguardante la problematica della carenza di medici di base nel Comune. 

“Avevamo appreso, anche dagli organi di stampa, che a partire dallo scorso primo novembre la dottoressa di base D’Alesio, operante sul territorio racconigese, ha cessato la sua attività. Di conseguenza gli oltre 1.500 pazienti in carico hanno dovuto o dovranno compiere la scelta di un medico, senza la possibilità di essere inseriti nelle liste degli altri professionisti racconigesi, che hanno tutti raggiunto il massimale di assistiti previsto dalla normativa –fanno sapere dal gruppo- Ad oggi, pertanto, questi cittadini si trovano costretti a scegliere un medico di famiglia che svolga l’attività nei Comuni limitrofi (Caramagna Piemonte o Savigliano). Anche in futuro questa situazione rischia di consolidarsi in quanto ci risulta che l’Asl CN1 abbia comunicato l’assenza di nominativi di medici di base da assegnare al territorio racconigese in sostituzione della dottoressa”.

Raccolta differenziata: Racconigi al secondo posto tra i Comuni più virtuosi

E proseguono: “Occorre inoltre sottolineare come molti adulti costretti a scegliere un medico di famiglia che non esercita la sua funzione nel nostro Comune non saranno in grado, a causa delle loro condizioni di salute (pazienti anziani, disabili, affetti da gravi patologie organiche, ecc.) o, semplicemente, in quanto non automuniti, di recarsi negli ambulatori dei vicini Comuni per usufruire della necessaria assistenza medica”. 

La lista patrizia Gorgo sindaco per Racconigi commenta inoltre:L’interrogazione non ha ottenuto risposta dal sindaco Oderda e piuttosto gli ha scatenato una forte reazione di disappunto che non ha più permesso il proseguimento del consiglio comunale. Con la presente torniamo a ribadire l’importanza dell’argomento e riteniamo che il sindaco, nella veste di primo cittadino e anche di autorità sanitaria locale, si debba fare parte attiva per assicurare il diritto dei racconigesi a ricevere la più agevole assistenza sanitaria”.

Concludono dalla minoranza: “Pur nella consapevolezza che il disagio è generalizzato e mancano i medici di base, ci auguriamo che Oderda, come è già successo in altri comuni, ad esempio Marene, si faccia portatore dei problemi dei racconigesi davanti agli organismi competenti e che voglia organizzare iniziative di confronto e partecipazione per dare voce alle esigenze dei nostri concittadini e al disagio che stanno vivendo. L’agone politico non dovrebbe mai andare a scapito degli interessi primari dei racconigesi, com’è il diritto alla salute”. 

Racconigi proroga al 7 dicembre la scadenza dei bandi Irpef e Tari