Riapre il castello di Racconigi, nei feriali e su prenotazione

980

Da oggi, martedì 2 febbraio 2021, il complesso del castello di Racconigi riapre al pubblico, secondo le norme della “zona gialla”.

castello di Racconigi riapre
Con il Piemonte in zona gialla, sulla base delle norme dell’ultimo decreto Covid, è nuovamente possibile visitare il Castello di Racconigi rispettando le normative anti-contagio

Grazie alle recenti disposizioni governative, che consentono l’apertura al pubblico degli spazi museali nei giorni feriali con l’esclusione del fine settimana, e al passaggio della Regione Piemonte nella fascia di rischio gialla, il Castello di Racconigi riapre al pubblico da oggi, martedì 2 febbraio.

Nell’incertezza dell’eccezionale scenario in cui stiamo vivendo, il ruolo dei musei si
ritrova al centro di una riflessione che, oltre a definire e consolidare nuove forme di interazione con il pubblico, implica un ripensamento delle funzioni svolte e una maggiore consapevolezza rispetto alle valenze sociali della propria missione –
commentano dalla Direzione Regionale Musei Piemonte– In questa prospettiva la riapertura dei percorsi museali vuole essere, dunque, un segno di ripresa, un messaggio positivo che risponde anche all’interesse e all’entusiasmo mai venuti meno da parte del pubblico, come ha dimostrato l’affluenza di visitatori che si è registrata nei nostri musei tra l’estate e l’autunno”. 

Il Piemonte torna zona gialla da lunedì 1° febbraio

Il nuovo orario per le visite al castello di Racconigi è dal martedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 19. Si ricorda che per accedere alla residenza sabauda racconigese è necessario prenotare all’indirizzo e-mail racconigi.prenotazioni@beniculturali.it oppure chiamare il numero 0172-84005.

Per accedere al parco invece non è necessaria alcuna prenotazione.

Si confermano, ovviamente, le misure già adottate in precedenza per garantire lo svolgimento delle visite in sicurezza: ingressi contingentati in piccoli gruppi, prenotazioni via telefono e mail, rilevazione della temperatura corporea e obbligo di mascherinaspiegano dalla Direzione Regionale- Al fine di evitare assembramenti e forme di rischio, gli spazi per raggiungere le biglietterie e gli itinerari di visita sono inoltre scanditi da indicazioni segnaletiche e alcuni percorsi museali sono anche dotati di strumenti che propongono contenuti di supporto fruibili tramite dispositivi mobili, come per esempio i QR-code posizionati sui pannelli di sala all’interno del Castello di Racconigi, che permettono di approfondire aree tematiche dedicate a personaggi, opere e racconti”. 

Polo Museale del Piemonte, nuovo direttore: Racconigi spera nel rilancio del parco del castello