“Trasformiamo Palazzo Lomellini in uno spazio sociale e culturale polivalente”

322

Il Comune di Carmagnola ha presentato un progetto da 1,5 milioni di euro per trasformare Palazzo Lomellini in uno spazio socio-culturale, completando il recupero dell’edificio.

palazzo lomellini carmagnola spazio culturale
La Giunta Gaveglio punta ai fondi del PNRR per completare il recupero dello storico Palazzo Lomellini, in piazza Sant’Agostino, per farne un nuovo spazio socio-culturale cittadino.

Il Comune di Carmagnola ha presentato un progetto di trasformazione della galleria d’arte civica di Palazzo Lomellini, in piazza Sant’Agostino, in uno spazio socio-culturale polivalente, recuperando le porzioni di edificio non ancora ristrutturate.

La destinazione a mero spazio espositivo si rivela essere non più adatta, rischiando di diventare obsoleta, e vi è la necessità di destinare questo importante edificio comunale a un uso meno specifico -dichiara il vicesindaco di Carmagnola Alessandro Cammarata, assessore a Cultura e lavori pubblici- Abbiamo previsto il recupero totale del palazzo quattrocentesco, con un ultimo importante blocco di lavori, oltre alla ristrutturazione delle altre parti di fabbricato, prospicienti il cortile, che sono state edificate negli anni Trenta del Novecento“.

L’intervento messo a punto dall’Ufficio Tecnico comunale riguarda lavori per un valore complessivo di 1,5 milioni di euro, che il Comune punta a reperire dai fondi PNRR grazie al progetto integrato territoriale 4I, di cui è capofila e che prevede anche la trasformazione in teatro della chiesa di San Filippo, in piazza Manzoni.

La chiesa di San Filippo sarà il nuovo teatro civico di Carmagnola?

Tante le opere previste: demolizione della torretta per la presa di luce collocata sul terrazzo, con realizzazione di nuovo lucernario in ferro e vetro; demolizione della scaletta e abbassamento del solaio nella parte terminale della manica nord-est al piano primo; realizzazione di una nuova rampa di accesso al terrazzo del secondo livello; apertura nuova uscita di sicurezza sul lato est, verso via Lomellini; demolizione di una porzione dell’edificio del 1939 per l’inserimento di una nuova scala antincendio, con relativi ripristini; realizzazione nella manica interno cortile di nuova scala antincendio a struttura
metallica e con parapetti in muratura, chiusa con pareti vetrate; rifacimento dei bagni; risistemazione dei locali al piano ammezzato e adeguamento alle normative antincendio; organizzazione di nuovi spazi da adibire a spazio polivalente; sistemazione del terrazzo interno cortile; smantellamento dell’attuale pavimentazione del cortiletto, con realizzazione di nuova pavimentazione in ciottolato; rifacimento della facciata interna, con formazione di una nuova quinta in muratura.

Con questa operazione, che speriamo possa essere finanziata con i fondi del PNRR, puntiamo a realizzare un insieme di interventi per il recupero e la rifunzionalizzazione di edifici esistenti nell’ottica di mantenere l’equilibrio tra zone edificate e zone verdi nei centri urbani, per contrastare il consumo di suolo e il degrado ambientale“, conclude Cammarata.

A nuovo la facciata di Palazzo Lomellini a Carmagnola

Collocato nel cuore del centro storico carmagnolese, Palazzo Lomellini è un edificio risalente al XV secolo, che nel tempo ha subito una serie di trasformazioni. Nei secoli ha ospitato un Monte di Pietà, l’Ente comunale di Assistenza, gli sfollati a seguito dei bombardamenti su Torino del 1943, i reparti militari del Genio, le forze partigiane, le scuole medie, il distaccamento della Pretura di Moncalieri, il museo civico di Storia Naturale e alcune Associazioni cittadine.

A seguito di importanti lavori di recupero funzionale di una parte dell’edificio storico,
ultimati nel maggio 2010, è oggi sede della Galleria civica di arte contemporanea. Tuttavia il recupero del fabbricato non è stato del tutto ultimato, con i locali della manica est a oggi ancora inagibili.

Si rinnova la Commissione artistica di Palazzo Lomellini a Carmagnola