Un progetto su sport e disabilità al Terzo Comprensivo di Carmagnola

135

L’Istituto Comprensivo “Carmagnola 3” prenderà parte a un progetto su sport e disabilità, al Palazzetto dello Sport di Carmagnola, martedì 3 maggio.

La seconda parte dell’incontro consisterà in una partita di basket, in cui la classe sarà divisa in due squadre (immagine di repertorio).

Si terrà il 3 maggio al Palazzetto dello Sport di CarmagnolaHS handicap & sport“, un progetto su sport e disabilità a cui parteciperà l’Istituto Comprensivo “Carmagnola 3”; l’evento durerà circa quattro ore, dalle 8 alle 12.

La prima parte della mattinata sarà dedicata all’esperienza della disabilità, nella vita quotidiana e nello sport; ci sarà il supporto di video, slides e racconti personali. La seconda parte dell’incontro consisterà invece in una partita di basket, in cui la classe sarà divisa in due squadre.

Ai giocatori verrà assegnato un ruolo, identificabile da una pettorina con il relativo simbolo (cieco, guida, senza mano, senza gamba, in carrozzina, normodotato) -spiegano dall’Istituto- in base a ciascun ruolo, gli studenti dovranno giocare a basket con quella “caratteristica”. Ogni tipologia di disabilità avrà i suoi marcatori e un punteggio diverso, per ogni canestro effettuato.

Agricoltura sociale e disabilità, l’esempio di Carmagnola

Inoltre, è stata fatta una proposta integrativa: seguiranno due ore con i genitori degli alunni che hanno partecipato alle attività, durante le quali saranno proposti gli stessi video, per creare un momento di confronto dedicato a domande e risposte.

A ricordo dell’incontro, sarà consegnato a ogni partecipante il gadget “Agganciati alla vita”, portachiavi realizzato dai ragazzi disabili di Enjoyski Sport ODV. 

Il costo della partecipazione è di € 2,00 per alunno. Il contributo potrà essere versato attraverso una donazione a Enjoyski Sport ODV. Per ulteriori informazioni, rivolgersi all’Istituto Comprensivo o al referente del progetto, Mauro Bernardi (339-3995993).

Inserimenti lavorativi per disabili a Carmagnola grazie al progetto “Simbiosi”