Al parco del Castello di Miradolo diversi appuntamenti per tutto l’inverno

83

Al parco del Castello di Miradolo sono in programma una serie di iniziative invernali, dal 3 dicembre al 29 gennaio.

Parco Castello Miradolo
Il parco del Castello di Miradolo

Nel suggestivo scenario invernale del parco del Castello di Miradolo, immersi in una silenziosa foschia tra fioriture inaspettate e forme sorprendenti, sono in programma, dal 3 dicembre 2022 al 29 gennaio 2023, passeggiate guidate, attività per famiglie, letture di Natale, una caccia al tesoro alla ricerca della scopa magica della Befana e immersioni in natura con l’appuntamento “Forest Bathing”.

Questo il programma completo delle iniziative.

Sabato 3 dicembre, alle ore 11, “Un parco da scoprire. L’inverno“. Visita guidata tematica per capire come gli alberi si preparano e si adattano al cambio di stagione: strategie differenti ma vincenti per superare i mesi più rigidi dell’anno.

Alle ore 14 invece si terrà “Inverno al sicuro“.  Passeggiando nel parco si ragionerà di quanto sia opportuno che l’uomo intervenga nella vita degli animali selvatici e sulla natura: si scopriranno diverse strategie di sopravvivenza messe in atto da animali e piante per
affrontare l’inverno. Al termine dell’esplorazione, si costruirà insieme una mangiatoia che le famiglie potranno portare a casa con sé per aiutare gli uccellini durante il lungo e freddo inverno.

Al Castello di Miradolo un incontro con l’esperta d’arte Lorenza Giovanelli

Domenica 4 dicembre, alle ore 11, visita guidata alla mostra “Christo e Jeanne-Claude. Projects”. A poco più di due anni dalla scomparsa di Christo Vladimirov Javacheff, la Fondazione Cosso dedica a Christo e Jeanne-Claude, la coppia che ha rivoluzionato il concetto di opera d’arte e il suo processo di realizzazione, una mostra con oltre 60 opere, tra disegni e collages, e un’ampia sezione di foto e video che documentano la realizzazione delle monumentali installazioni artistiche.

Giovedì 8 dicembre, alle ore 10:30, “Letture di Natale“. Letture “A casa di Babbo Natale” per bambini dai 2 ai 5 anni, in compagnia di Monica della Smirra. Le letture avverranno con albi illustrati e con tecnica Kamishibai. Gli albi illustrati, i cosiddetti libri per bambini, sono la massima espressione e la meraviglia della letteratura per l’infanzia, mentre il Kamishibai è un modo diverso di leggere le storie: con un piccolo teatrino in legno, il butai, i bambini seguono la narrazione guardando le immagini che scorrono.

Sabato 10 dicembre, alle ore 11 e alle ore 15, il “Castello di Sofia“. Una passeggiata guidata all’aperto, alla scoperta della storia dell’antica dimora appartenuta ai conti Sofia ed Emanuele Cacherano di Bricherasio, ultimi eredi della nobile casata. Le loro storie si
intrecciano con quelle di Federico Caprilli e della Cavalleria, di Lorenzo Delleani e del cenacolo culturale attivo a Miradolo in quegli anni, della fondazione dell’industria automobilistica piemontese.

Sabato 17 dicembre, alle ore 10:30, “Giochiamo da un metro in giù“. Un percorso didattico per famiglie che accompagna la mostra, sotto le opere e nel Parco.

Un incontro con lo scrittore Daniele Zovi al castello di Miradolo

Venerdì 6 gennaio, alle ore 16:30, “La befana sbadata“. Una caccia al tesoro dedicata alle famiglie con bambini dai 5 agli 11 anni che saranno accompagnate nel Parco alla ricerca della scopa magica da restituire alla Befana sbadata.

Sabato 14 gennaio, alle ore 11 e alle 14:30, verrà riproposta la visita guidata alla mostra “Christo e Jeanne-Claude. Projects”, sabato 21 gennaio, alle ore 10:30, l’attività “Giochiamo da un metro in giù” e sabato 28 gennaio, alle ore 11, il “Castello di Sofia”.

Sempre sabato 28 gennaio, alle ore 15, si terrà invece un incontro intorno alla mostra “Mezz’ora con R. Galimberti e O. Chiantore – La musica tra progetto e architettura: l’installazione sonora in mostra“.

Gli incontri si concluderanno domenica 29 gennaio, dalle ore 10 alle ore 16, con “Forest Bathing“. Anche in inverno, quando la natura riposa, sperimentiamo i benefici di un’immersione in natura e scopriamo gli effetti della vicinanza degli alberi sulla nostra salute attraverso pratiche esperienziali come la camminata consapevole, l’abbraccio agli alberi, la respirazione con il bosco, l’ascolto. La “Forest Bathing” agisce sulla salute fisica e sociale migliorando la connessione con la natura, le relazioni interpersonali e la coesione
sociale.

Attività per famiglie nel parco del Castello di Miradolo