Ancora polemiche sull’ospedale unico Asl TO5, scontro Nicco-Italia Viva

271

La pubblicazione di un documento regionale sull’edilizia sanitaria, che non cita l’ospedale unico dell’Asl TO5, riapre la polemica tra le forze politiche regionali. Nicco (FdI): “è confermato, entro marzo sapremo dove costruirlo”. Ma Italia Viva lo attacca.

ospedale unico asl to5 polemica nicco italia viva
Resta alta in Regione la tensione sul nuovo ospedale unico dell’Asl TO5 [immagine di repertorio]
La pubblicazione di un documento regionale sull’edilizia sanitaria -un elenco di sei futuri nosocomi piemontesi nel quale non viene menzionato l’ospedale unico dell’Asl TO5– riapre la polemica tra le forze politiche regionali.

Il consigliere di maggioranza Davide Nicco, esponente di Fratelli d’Italia ed ex sindaco di Villastellone, rassicura: “Il nuovo ospedale della nostra Asl si farà: non è stato citato perché la sua costruzione era già stata deliberata nella precedente programmazione sanitaria e resta pertanto confermata“.

In particolare, Nicco sottolinea come proprio il nuovo documento confermi esplicitamente che “la strategia localizzativa dei nuovi presidi ospedalieri, già previsti nella precedente programmazione” assegna all’Asl TO5 una struttura con DEA di primo livello.

Pronto Soccorso chiuso di notte a Carmagnola, interrogazione M5S in Regione

Il progetto è attualmente in fase di approfondimento per individuare la migliore soluzione per garantire a tutto il territorio dell’Azienda Sanitaria un servizio ospedaliero efficiente e di qualità elevata -prosegue l’ex Primo Cittadino di Villastellone- Entro fine marzo la commissione tecnica preposta all’esame delle diverse possibili sedi renderà pubbliche le conclusioni in merito, per poter passare al più presto alla fase realizzativa“.

Il nuovo ospedale dell’Asl TO5 prevede un impegno finanziario di oltre duecento milioni di euro. Resteranno inoltre attivi i tre ospedali attualmente esistenti -il San Lorenzo di Carmagnola, il Maggiore di Chieri e il Santa Croce di Moncalieri- ai quali andranno anche ad aggiungersi anche i servizi sanitari territoriali delle nuove “Case di comunità” che vedranno la luce grazie ai fondi del PNRR.

Novità per l’ospedale unico dell’Asl TO5, il neo direttore Pescarmona cambia rotta

Ma Italia Viva torna all’attacco, mettendo nel mirino proprio Nicco: “Il consigliere regionale è da sempre contro l’ospedale di eccellenza individuato tra Moncalieri e Trofarello. Le cronache, le interviste, ma soprattutto gli atti del Consiglio regionale dimostrano che sta di fatto bloccando lo sviluppo del nostro territorio“.

In generale, per i Renziani “la scelta regionale porta un’ulteriore dilatazione dei tempi -sottolineano da IV in un comunicato stampa- Agli occhi di un buon osservatore l’unica vera strategia messa in campo è quella di ‘un passo avanti e due indietro’: ancora una volta la politica locale sembra rappresentare un ostacolo invece che un binario preferenziale per il bene comune. Si litiga in Regione, tra sindaci e Regione, ma anche tra sindaci“.

Ospedale unico Asl TO5: la posizione di Italia Viva