Asl To5 ha aderito alla Settimana mondiale per la riduzione del consumo di sale

32

“Meno sale e più gusto”: questo lo slogan della Settimana mondiale per la riduzione del consumo di sale, a cui ha aderito anche l’Asl TO5.

riduzione del consumo di sale
L’Asl TO5 ha aderito alla campagna mondiale per la riduzione del consumo di sale

“Meno Sale e più Gusto” è lo slogan della Settimana mondiale per la riduzione del consumo di sale, che si conclude oggi, domenica 14 marzo 2021, proposta ogni anno dalla World Action on Salt, Sugar and Health.

Si tratta di una campagna mondiale di sensibilizzazione dell’opinione pubblica verso una scelta consapevole di alimenti meno ricchi in sale, promossa sul territorio nazionale dalla Società italiana di nutrizione umana e dal Gruppo intersocietario per la riduzione del consumo di sodio in Italia, alla quale aderisce l’Asl TO5 -spiegano dall’Azienda sanitaria locale- L’edizione 2021 mette a fuoco in modo particolare il valore di spezie ed aromi nell’accompagnare e favorire la diminuita utilizzazione del sale per conferire sapore agli alimenti“.

Ridurre il consumo di sale è fondamentale per avere buona salute: “La relazione causale tra consumo di sale, ipertensione e rischio cardiovascolare è ampiamente riconosciuta -dichiarano i promotori della campagna- Numerosi studi hanno dimostrato che la riduzione, anche solo moderata, del consumo di sale è associata a riduzione della pressione arteriosa e attraverso quest’ultima alla prevenzione di un numero significativo di eventi cardiovascolari, in primo luogo l’ictus cerebrale, l’infarto e lo scompenso cardiaco”.

Covid: l’ospedale San Lorenzo di Carmagnola torna “al completo”

Pertanto, la riduzione del consumo di sale rimane dunque saldamente al primo posto tra le modificazioni raccomandate dello stile di vita.
“Nell’ultimo decennio, il consumo medio di sale in Italia si è ridotto del 12% circa: pur tuttavia, tale consumo supera ancora ampiamente i bisogni fisiologici e i valori raccomandati dall’OMS che si pone come obiettivo una riduzione globale del consumo di sale del 30% entro il 2025“.

Per l’Asl “risulta fondamentale continuare a divulgare le raccomandazioni per la promozione della salute anche in tempo di pandemia” in quanto “a causa delle restrizioni alla circolazione imposte e dello smartworking, il Covid ha comportato un ritorno al consumo dei pasti in ambito domestico“.

Si vuole pertanto richiamare una maggiore attenzione nella preparazione dei cibi in tale ambito per evitare l’abuso di sale in cucina e a tavola e valorizzare il ruolo di spezie ed aromi nella preparazione delle ricette.

Sul sito istituzionale dell’Asl TO5 sarà possibile consultare, per tutto il 2021, il materiale della campagna di sensibilizzazione.

Contagi Covid +32% nel Carmagnolese, si avvicina la zona rossa