Carignano città accessibile, un progetto per le persone con limitate possibilità motorie

1939

Garantire l’accesso di persone che hanno limitate possibilità motorie all’interno degli edifici carignanesi: questo l’obiettivo di “Carignano Città Accessibile”, il progetto nato dalla collaborazione tra l’associazione Carignano Progetto Cultura e Turismo, la Fondazione Martoglio e l’Amministrazione comunale.

carignano città accessibile
Carignano Cultura e Turismo, Fondazione Martoglio e Comune uniti per rendere Carignano una città accessibile

L’associazione Carignano Progetto Cultura e Turismo, la Fondazione Martoglio e l’Amministrazione comunale continuano il percorso, intrapreso l’anno scorso, per rendere Carignano una città accessibile alle persone con difficoltà deambulatorie.

L’obiettivo è permettere alle persone con limitate capacità motorie di spostarsi senza ostacoli all’interno del Comune, assicurando l’accesso a un numero sempre maggiore di edifici carignanesi e ai relativi servizi.

Il progetto prevede un’applicazione multimediale, di proprietà della Fondazione Martoglio, all’interno della quale sono censiti i parcheggi riservati ai disabili e i locali (ristoranti, bar, supermercati) che garantiscono la totale accessibilità e la presenza di servizi a regola con la normativa handicap.

La piscina di Carmagnola è per tutti: inaugurato il sollevatore per disabili

L’iniziativa non si ferma però esclusivamente agli aspetti legati alla quotidianità, ma ha anche un risvolto culturale. Centrale è infatti l’opportunità di accesso a monumenti artistici del territorio carignanese, attraverso interventi di riduzione o rimozione delle barriere architettoniche cittadine, e all’acquisto di alcune carrozzine, che possono essere utilizzate da chi ha problemi di deambulazione.

Paolo Castagno, presidente di Carignano Progetto Cultura e Turismo, spiega: “Da più di vent’anni ormai, la nostra Associazione opera nello sviluppo e nella promozione del turismo e della cultura, con l’obiettivo di dare la possibilità a tutti di conoscere e ammirare le bellezze artistiche e culturali che la città offre”.

In particolare, ad oggi le operazioni hanno riguardato in primo luogo le navate del Duomo carignanese e della cappella della Visitazione del Valinotto, le cui facciate sono al momento in ristrutturazione a cura della Fondazione Compagnia di San Paolo, che hanno portato le due costruzioni ad essere visitabili all’80%.

In corso il restauro al santuario del Valinotto di Carignano

Gli interventi hanno inoltre coinvolto il complesso del nuovo municipio (che comprende l’atrio, la biblioteca, l’ex chiostro delle monache e l’affaccio agli shield) con una percentuale di accessibilità del 90% e il museo civico “Giacomo Rodolfo”, attualmente totalmente agibile.

Al termine dell’emergenza sanitaria è poi prevista la piena accessibilità anche alla cappella, all’atrio e agli ambienti di servizio dell’Ospizio di Carità.

Relativamente alle statistiche, Giovanna Ferrero, segretario generale della Fondazione filantropica Mario e Ofelia Martoglio, dichiara: “Occorre tenere in considerazione che, mentre il numero delle persone affette da disabilità fin dalla nascita sta calando, aumentano coloro che lo diventano a seguito di incidenti stradali o semplicemente con la vecchiaia”.

Le vecchie bambole per l’inclusione dei ragazzi speciali di “Angeli di Ninfa”

Tra i desideri futuri, la volontà di organizzare delle campagne volte a informare e responsabilizzare la cittadinanza al tema.

Uno dei primi gruppi a cui si vogliono indirizzare le iniziative di sensibilizzazione sono gli studenti più grandi delle scuole superiori che sono –o diventeranno a breve- neopatentati: l’obiettivo è di insegnare le regole riguardanti la disabilità nel Codice Stradale come, per esempio, il divieto di occupare indebitamente i parcheggi destinati ai disabili.

Come prevedibile, il Covid-19 non è stato di aiuto allo sviluppo del progetto: a causa del periodo, si è infatti stati costretti a rinunciare momentaneamente all’evento che, con la partecipazione dell’atleta paraolimpico Alessio Tavecchio come testimonial, avrebbe dovuto lanciare l’iniziativa.

Tavecchio parla di sicurezza alla guida

A questo proposito, Giovanna Ferrero aggiunge: “Nonostante la pandemia non ci siamo fermati perché è un progetto in cui crediamo molto e che abbiamo a cuore, tanto da estenderlo prossimamente anche al Comune di Cavallermaggiore -conclude- Nel progetto di Carignano città accessibile, come anche nelle altre nostre iniziative 2020, ad esempio la donazione di monitor multiparametrici all’ospedale di Carmagnola e della casa degli abbracci alla Rsa San Giorgio di Cavallermaggiore, si ritrova il principio che guida la nostra Fondazione: le cose sono un mezzo, ma la finalità sono le persone”.

Per maggiori informazioni relative al progetto, è possibile consultare le sezioni apposite del sito dell’Associazione carignanese e della Fondazione Martoglio.

Emergenza Covid-19, fondi e apparecchiature in dono all’Asl TO5