Carmagnola: inaugurate le installazioni per i dieci anni di “Donne in Città”

441

Il Gruppo “Donne in Città” celebra i primi dieci anni di attività, con una serie di installazioni colorate nei giardini Caduti senza Croce di Carmagnola, che resteranno visibili fino ad aprile.

installazioni donne in città Carmagnola
Il Gruppo “Donne in Città” di Carmagnola ha realizzato speciali installazioni a cielo aperto per celebrare il proprio decennale: l’inaugurazione è avvenuta nella Giornata internazionale della Donna 2023

Sono state inaugurate ieri, 8 marzo 2023, in occasione della Giornata internazionale della Donna, le installazioni a cielo aperto create dal Gruppo “Donne in Città” di Carmagnola per celebrare il proprio primo decennale di attività.

Si tratta di opere fatte a mano, realizzate con l’utilizzo di materiali di riciclo, che resteranno visibili nei mesi di marzo e aprile all’interno dei giardini pubblici Caduti senza Croce, a fianco di viale ex Internati, dietro la posta centrale.

Qui un filo multi-colore corre tra gli alberi e li abbraccia; andrà man mano ad arricchirsi di fiori, per invitare tutti -a partire dalle donne- a una nuova stagione di partecipazione.

installazioni donne in città Carmagnola
L’opera realizzata nei giardini Caduti senza Croce si intitola “Riprendiamo il filo” ed è realizzata con materiali di riciclo

A dieci anni dalla nascita del Gruppo, le Donne in Città sono più attive che mai e la loro creatività non ha limiti: per questo hanno ideato una nuova performance nel loro stile, capace di dare colore alla città per valorizzare gli spazi pubblici, sempre tramite il riuso creativo dei materiali, nell’ottica della sostenibilità“, spiegano le creatrici.

E aggiungono: “Il titolo dell’installazione è ‘Riprendiamo il filo”: sta a indicare la voglia e la necessità di riprendere e creare nuove relazioni costruttive e positive tra le donne e con tutti i cittadini, in un periodo ancora difficile dopo l’uscita dalla pandemia Covid, segnato da eventi tragici come guerre, disastri naturali, naufragi, persecuzioni, violenze e negazione dei diritti che purtroppo vedono sempre le donne tra le più colpite“.

8 marzo sostenibile, donne amiche dell’ambiente