Inaugurato a Carmagnola un monumento dedicato a tutti i Donatori di Sangue

630

Nei giardinetti di viale Barbaroux, a Carmagnola, è stato ufficialmente inaugurato il cippo dedicato a tutti i Donatori di Sangue, voluto dalla Fidas e dall’Amministrazione civica.

monumento donatori di sangue carmagnola fidas
Il nuovo monumento ai Donatori di Sangue inaugurato a Carmagnola si trova all’incrocio tra viale Barbaroux e via De Gasperi

E’ stato ufficialmente inaugurato nei giorni scorsi il monumento dedicato a tutti i Donatori di Sangue, situato a Carmagnola, nei giardinetti di viale Barbaroux all’angolo con via De Gasperi.

Il cippo commemorativo, alto più di un metro, raffigura alcune preziose gocce di sangue, simbolicamente vicine e unite, e riporta il motto “Donare è una scelta di cuore”.

Il momento ufficiale dell’inaugurazione, con il sindaco Ivana Gaveglio

Alla cerimonia di scoprimento del cippo hanno partecipato lo storico presidente della Fidas di Carmagnola, Gabriele Mai, affiancato dalla presidente regionale Fidas ADSP, la pancalierese Floriana Pretto, e dal sindaco Ivana Gaveglio.

Presenti anche i rappresentanti di diversi gruppi di donatori di sangue dei dintorni, oltre a collaboratori e sponsor.

Fidas Carmagnola, assegnate 40 medaglie d’oro di benemerenza

“Questo monumento è un simbolo e vuole accendere un riflettore su quel ‘basso profilo’ che il nostro statuto impone: il Donatore di Sangue deve infatti essere volontario, anonimo e consapevole -spiega Mai- Tramite il cippo vogliamo però diventare visibili a un pubblico che, volutamente o meno, non ci conosce ancora, dato che noi non abbiamo divise o mezzi dotati di sirene, in modo da avvicinare un numero sempre crescente di persone al gesto della donazione“.

monumento donatori di sangue carmagnola fidas
Lo storico presidente del gruppo Fidas di Carmagnola, Gabriele Mai, a fianco del monumento

Su questo tema, dalla Fidas carmagnolese arriva quindi un appello: “Ci si ricorda dei Donatori quando si ha bisogno di sangue, per sé o per un nostro caro, dimenticando che, se si gode di buona salute donare un po’ di sangue diventa un dovere morale, mentre ottenerlo, quando necessita è un diritto sacrosanto“.

La pancalierese Floriana Pretto alla guida della Fidas ADSP