Carmagnola: presentate le opere di mitigazione della Bretella Est

1024

Nuovi alberi e due piste ciclabili, ai Cavalleri-Fumeri e alla Bossola: queste le opere di mitigazione e compensazione ambientale, a cura dell’Autostrada dei Fiori, previste per la realizzazione della Bretella Est di Carmagnola.

bretella est carmagnola mitigazione piste ciclabili
Una delle opere di mitigazione previste per la realizzazione della Bretella Est di Carmagnola è la creazione di una vera pista ciclabile lungo via Sommariva, fino alle frazioni Cavalleri e Fumeri

La Città metropolitana di Torino ha reso note le opere di mitigazione e compensazione ambientale previste per la realizzazione della Bretella Est di Carmagnola, il nuovo tratto di tangenziale cittadina che dovrebbe essere costruito nel 2022.

Oltre a ufficializzare l’esclusione del progetto dalla fase di Valutazione di Impatto Ambientale, già anticipata da “Il Carmagnolese” nelle scorse settimane, l’Ente provinciale ha anche accolto le richieste del sindaco Ivana Gaveglio per quanto riguarda le compensazioni ambientali, riguardanti due piste ciclabili e nuovi alberi, anche in funzione anti-inquinamento. Tutti gli interventi saranno a cura della società Autostrada dei Fiori, che realizzerà anche la nuova Bretella.

Variante Est di Carmagnola, lavori al via entro il 2022

Il primo prevede la riqualificazione, con allargamento e messa a norma, del percorso ciclo-pedonale già esistente lungo la Provinciale 661, dalla rotonda della frazione Cavalleri-Fumeri fino alla rotonda di Santa Rita (sottopasso ferroviario in via Bonetto), per una lunghezza totale di circa 1,2 chilometri.

Una seconda pista ciclo-pedonale sarà quindi realizzata sul lato est di via Racconigi, ex Statale 20, lungo l’abitato di frazione Bossola e fino al collegamento, lungo via Ponzio, con la pista ciclabile di Carmagnola Sud esistente su via Cuneo, che porta alla stazione ferroviaria. In questo intervento -anch’esso dalla lunghezza di 1,2 chilometri- sarà incluso l’attraversamento in sicurezza della ex Statale, per il collegamento con il percorso ciclo-turistico “2 Ruote 2 Regge”.

Al via i lavori per la ciclabile tra Carmagnola e San Bernardo

Per quanto riguarda i nuovi alberi, è inoltre prevista l’acquisizione al patrimonio pubblico, tramite esproprio, della striscia di terreno presente tra la nuova viabilità e l’Autostrada A6. Qui verranno piantate essenze autoctone di alto fusto, su doppio filare, per ottenere una mitigazione dal punto di vista ambientale e paesaggistico.

Un’operazione simile, con esproprio ed acquisizione a patrimonio pubblico, riguarderà anche la striscia di terreno tra la futura Bretella Est di Carmagnola e la viabilità già esistente nel tratto compreso tra il casello autostradale e via Poirino. Qui sono previste piante di basso fusto. “In tal modo, si evita che tali spazi di risulta, difficilmente coltivabili, si trasformino in aree abbandonate soggette a incuria e degrado“, specifica il sindaco Gaveglio.

Tutte le richieste sono state valutate favorevolmente dal Direzione Ambiente della Città metropolitana e inserite come prescrizioni -aggiunge il sindaco- Autostrada dei Fiori dovrà quindi adeguare il progetto esecutivo in corso di redazione e realizzare queste opere di mitigazione contestualmente alla Bretella Est“.

Fondi ministeriali per la riforestazione nel Carmagnolese