Più medici nei reparti: chiuso di notte il pronto soccorso di Carmagnola

2760

Vista l’emergenza sanitaria legata al Coronavirus, Regione Piemonte e Asl hanno deciso di chiudere nelle ore notturne il Pronto Soccorso dell’ospedale San Lorenzo di Carmagnola, per destinare maggiore personale alla cura dei malati Covid-19. Resta attivo il servizio di guardia medica.

Coronavirus chiuso Pronto Soccorso ospedale Carmagnola
Vista l’emergenza Coronavirus, Regione e Asl hanno deciso di chiudere il Pronto Soccorso dell’ospedale San Lorenzo di Carmagnola per destinare maggiore personale alla cura dei malati Covid-19

La Regione Piemonte e l’Asl TO5 hanno deciso che, da domani sera venerdì 27 marzo, resterà chiuso di notte (dalle 20 alle 8) il Pronto Soccorso dell’ospedale San Lorenzo di Carmagnola, in modo da destinare il personale sanitario a fronteggiare l’emergenza Coronavirus.

Lo comunica il sindaco, Ivana Gaveglio.
La scelta è stata presa per rafforzare la presenza dei medici e degli operatori nei reparti dedicati ai pazienti con sintomi da Coronavirus -spiega Gaveglio, che è stata in contatto con l’assessore regionale alla Sanità Icardi e con il direttore sanitario pro-tempore dell’Azienda Sanitaria, Azzan– Dato che il numero di persone che accedono al Pronto Soccorso di Carmagnola è di due o tre persone per notte, da domani sera resterà pertanto chiuso, al fine di dirottare le risorse nei reparti“.

Il Pronto Soccorso rimane comunque attivo durante il giorno, mentre di notte occorre contattare il numero telefonico di guardia medica (servizio di continuità assistenziale), in servizio nelle ore notturne dalle ore 20 alle ore 8.
Il numero per il Distretto sanitario di Carmagnola è lo 011-9719111.

Commenta l’assessore regionale alla Sanità del Piemonte, Luigi Genesio Icardi: “In questa fase emergenziale abbiamo bisogno del contributo di tutti. I tre soli passaggi notturni medi registrati nel triage in tenda nel periodo dal 1 al 25 marzo, in questo momento non sono numericamente significativi per tenere impegnata la struttura, che può così liberare risorse sanitarie preziose nella battaglia quotidiana contro il Coronavirus. Ringrazio l’Azienda sanitaria locale e i sindaci del territorio carmagnolese che hanno collaborato per venire incontro alle esigenze del momento. Resta inteso che, superata questa fase di emergenza, verrà ripristinato il normale orario“.