Siccità e crisi idrica: la Regione Piemonte dichiara l’emergenza e chiede lo stato di calamità

99

Allarme siccità e crisi idrica in tutto il Piemonte: la Regione ha chiesto lo stato di emergenza e la dichiarazione dello stato di calamità per l’agricoltura.

siccità crisi idrica piemonte
La siccità in Piemonte ha prosciugato il letto di molti fiumi, anche per diversi chilometri

Richiesta dello stato di emergenza per l’intero territorio e dello stato di calamità per l’agricoltura, nonché il rilascio di acque dai bacini utilizzati per produrre energia idroelettrica a supporto dell’irrigazione delle colture: queste le principali misure che la Regione Piemonte sta mettendo in campo per fronteggiare la crisi idrica che sta colpendo l’Italia centro-settentrionale a causa del prolungarsi della siccità.

Le decisioni sono state assunte nel corso dell’insediamento del Tavolo permanente di monitoraggio, voluto dal presidente Alberto Cirio e coordinato dall’assessore all’Ambiente Marnati, di cui fanno parte le organizzazioni agricole, i consorzi irrigui, l’ARPA Piemonte, le Autorità d’ambito del servizio idrico integrato e l’Associazione nazionale Bonifiche Irrigazioni Miglioramenti Fondiari.

Siccità in Piemonte, la crisi climatica si fa reale: mai viste scene così

La crisi idrica causata dalla siccità sta facendo registrare in Piemonte livelli di gravità assoluta per gli agricoltori, che stanno già affrontando l’aumento dei costi dei concimi e della benzina agricola, il cui prezzo ha raggiunto ormai quello della benzina tradizionale -ha spiegato Cirio- Per questo motivo è stato chiesto per il comparto agricolo lo stato di calamità naturale, che consente di agire in tutela degli agricoltori nel caso di danni“.

È stata inoltre valutata la possibilità di agire, in accordo con i gestori degli invasi, per rilasciare un quinto delle acque contenute nei bacini idroelettrici, operazione che permetterebbe di garantire 15-20 giorni di respiro e salvare il raccolto e le produzioni agricole grazie all’aumento della portata dei fiumi e dei canali di irrigazione.

Extinction Rebellion, tre sirene spiaggiate sul Po per denunciare la siccità in Piemonte

Il presidente Cirio ha fatto il punto anche sulla carenza in alcune zone dell’acqua utilizzata per l’uso domestico. “Al momento in Piemonte sono 170 i Comuni con ordinanze adottate o in corso di adozione sull’uso consapevole dell’acqua potabile e di limitazione o divieto di usi impropri: 80 quelli nel Torinese che hanno emanato o stanno per emanare ordinanze; in tre è stato necessario intervenire con autobotti per rifornire di notte le cisterne. In provincia di Cuneo ci sono 10 Comuni con ordinanza emanata o in via di emanazione e in 5 si è già intervenuti con autobotti“.

Si tratta di una crisi idrica peggiore di quella del 2003, tanto che il Po ha una portata d’acqua inferiore del 72% di quella naturale. La criticità riguarda l’acqua di sorgente, perché non c’è neve sulle montagne.

Razionare l’acqua anche di giorno non è una misura attualmente sul tavolo -ha concluso Cirio- E’ però importante che tutti prendiamo consapevolezza della complessità della situazione mettendo in campo un comportamento saggio e virtuoso sul nostro modo di usare l’acqua, un bene prezioso che non dobbiamo dare per scontato“.

6 consigli per ridurre l’impronta idrica del cibo che mangiamo