In progetto un mini-dormitorio comunale per i senzatetto

1732

Progetto dell’Assessorato alle Politiche sociali di Carmagnola per offrire un rifugio ai senzatetto nel periodo invernale.

Un dormitorio per senzatetto a Torino
Un dormitorio per senzatetto a Torino

Per offrire rifugio ai senzatetto, soprattutto nel periodo invernale, l’Assessorato alle Politiche sociali del Comune di Carmagnola sta cercando di realizzare, entro gennaio, un mini-dormitorio in un appartamento già di sua proprietà, trasformandolo in una struttura per l’accoglienza notturna delle persone senza fissa dimora.

«Credo sia compito dell’Istituzione comunale far fronte a questa emergenza presente sul territorio carmagnolese -sottolinea l’assessore Vincenzo IngleseAbbiamo provato inizialmente a cercare qualche alloggio in affitto da destinare a tale progetto, ma senza riuscirci. Quindi, approfittando del fatto che c’è una famiglia in procinto di lasciare un’abitazione di nostra proprietà, abbiamo optato per questa soluzione, che vorrei attuare in tempi brevissimi, anche perché la stagione più fredda è già iniziata. Per la gestione, ci stiamo rivolgendo alle associazioni di volontariato cittadine, da cui spero di trovare la giusta collaborazione».

Attualmente, numerosi senzatetto a Carmagnola trovano rifugio notturno soprattutto al pronto soccorso dell’ospedale San Lorenzo, non sempre senza difficoltà di convivenza con i pazienti.

Un altro luogo che veniva a volte utilizzato dai clochard, la sala d’aspetto della stazione ferroviaria, è stato invece reso inutilizzabile dall’intervento di muratura degli accessi diretti su piazza XXX aprile voluto da Rfi.
Una decisione che non ha comunque mancato di suscitare polemiche in città, anche e soprattutto tra i pendolari e gli utilizzatori del treno, costretti a passare dal sottopasso per poter accedere ai locali della stazione, anche nelle ore diurne.