«Gatti randagi a Carmagnola, emergenza che va affrontata»

153

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di una nostra lettrice in merito ai gatti randagi presenti a Carmagnola: «serve affrontare questa emergenza, con la creazione di un gattile»

Gatti randagi a Carmagnola
Gatti randagi a Carmagnola: una lettrice ci scrive (foto: Volontarie Attive @ Facebook)

Egregio Direttore,
Carmagnola si trova ad affrontare ogni giorno un’urgenza che da anni permea le sue strade e vicoli: l’emergenza dei gatti randagi.

Questo problema, che sembra persistere nel tempo senza una soluzione definitiva, ha reso ogni angolo della cittadina un luogo di precarietà per queste creature indifese.

Nessun vicolo è escluso dalla triste realtà di gatti che vagano, soli e spesso feriti, esposti ai pericoli delle strade e senza alcuna protezione.

“Sempre più gatti da sfamare”, appello delle Volontarie Attive di Carmagnola

Le colonie feline gestite dalle volontarie, oasi di pulizia e provviste di cibo, rappresentano un raggio di speranza in mezzo all’oscurità. Ma loro non possono e non devono essere lasciate da sole a sostenere questo peso.

È un dovere morale e legale del sindaco e degli Enti preposti assumersi la responsabilità di prendersi cura di ogni animale randagio, gatto e non solo, che abita la città.

Tuttavia, pare che un menefreghismo dilagante abbia offuscato questa responsabilità, mettendo a rischio la vita stessa di questi esseri innocenti.

Colonie feline di Carmagnola, nuovo appello delle volontarie

Le volontarie, coraggiose e determinate, insieme ai gatti stessi, sono gli unici veri combattenti in questa battaglia.

Gli Enti contattati non rispondono all’appello, mostrando impotenza di fronte a una situazione così urgente e critica.

Nessun provvedimento è stato preso e l’indifferenza continua a regnare sovrana, lasciando i poveri gatti randagi in balia degli eventi.

Giornata nazionale del gatto, un’occasione speciale per celebrare l’amato felino

Negli anni, diverse persone hanno cercato di portare alla luce questa problematica, ma il loro grido d’allarme è caduto spesso nel vuoto.

Nel frattempo, la situazione continua a peggiorare, con il tempo che scorre senza portare alcuna soluzione tangibile.

Per fortuna non tutti sono indifferenti; volontari e cittadini di buon cuore si battono ogni giorno per migliorare le condizioni di vita di questi animali, ma la loro lotta non può essere sufficiente da sola.

Inaugurato il nuovo canile di Carmagnola: le video-interviste esclusive

È imperativo agire immediatamente per salvaguardare queste creature indifese, che si affidano all’uomo senza sapere di essere ignorate.

La creazione di un centro di accoglienza per gatti randagi -sostenuto da volontari, dalla comunità e dalle autorità locali- è una necessità urgente.

Questa struttura dovrebbe essere in grado di offrire soccorso, cure veterinarie e un rifugio sicuro per i gatti randagi di Carmagnola, indipendentemente dallo stato in cui si trovano.

Nuova donazione di cibo per cani e gatti

La legge impone infatti al Comune e alla Asl di occuparsi degli animali randagi, garantendo quindi la protezione delle colonie feline e promuovendo la sterilizzazione, il nutrimento e le cure per tutti i gatti.

È essenziale che ogni livello di governo e ogni Ente coinvolto si uniscano per affrontare questa emergenza, con urgenza e determinazione.

Nel 2024, Carmagnola si trova di fronte a una scelta cruciale: continuare a voltare le spalle a questa emergenza o affrontarla con coraggio e solidarietà.

Carmagnola: tre gatti in pessime condizioni di salute, intervengono le Giacche Verdi