Inaugurato il nuovo canile di Carmagnola: le video-interviste esclusive

714

Si è tenuta ieri l’inaugurazione del nuovo canile di Carmagnola, in via Racconigi: Cristina De Stefano ha intervistato i protagonisti. Tutte le informazioni sulla nuova struttura e i servizi che offre.

Il nuovo canile di Carmagnola
Il nuovo canile di Carmagnola

Si è tenuta ieri, sabato 2 marzo, l’inaugurazione ufficiale del nuovo canile municipale di Carmagnola, ai margini della zona industriale di via Racconigi verso frazione Bossola, denominato “Can Ca Baula” (in piemontese “cane che abbaia”).

Al taglio del nastro erano presenti autorità comunali e regionali, nonché i rappresentanti della Cooperativa sociale Solidarietà Quattro, che ha costruito e gestirà la struttura sulla base della convenzione stipulata con l’Amministrazione.

Il video dell’inaugurazione, realizzato da Cristina De Stefano, con le interviste esclusive: clicca qui per vederlo sul canale YouTube de “Il Carmagnolese”

La Cooperativa, che fa parte del Consorzio Solidarietà, gestiva già dal 1999 il canile di via Ceis, a Salsasio, struttura ormai obsoleta e situata in una posizione poco favorevole. L’attuale impianto sorge, peraltro, su terreni confiscati alle cosche.

Nel 2020 ha così proposto al Comune di realizzare il nuovo canile interamente a proprie spese, in cambio della gestione per i prossimi 24 anni a un canone fisso di 120 mila euro all’anno. Al termine, l’impianto resterà di proprietà dell’Ente pubblico.

Le interviste alle volontarie del canile

Le caratteristiche del nuovo canile di Carmagnola

Una parte dell’impianto è destinata alla gestione del canile rifugio e canile sanitario, che vedono nella nuova struttura 40 box per il canile rifugio e 14 box di carattere sanitario, utilizzato quest’ultimo per i cani randagi accalappiati, che debbono restare in isolamento dieci giorni prima di essere collocati nel canile rifugio, per poi possibilmente essere adottati.

«Il fenomeno dell’abbandono dei cani per fortuna è in netta diminuzione, negli ultimi dieci anni -spiegano da Solidarietà Quattro- Basti pensare che nei primi anni 2000 si contavano anche oltre cento adozioni all’anno nel canile di Carmagnola. Dopo vent’anni i cani abbandonati non superano i 30 casi all’anno, con circa venti adozioni medie annue. Nel canile rifugio purtroppo restano accolti i cani anziani, patologici e problematici, che non possono essere adottati».

Il Dna dei cani fa ancora discutere il Consiglio comunale di Carmagnola

A differenza del precedente canile, il nuovo “Can Ca Baula” offre però anche nuove attività rivolte a tutti, come la pensione e l’asilo per cani e servizi di toelettatura. Vi sono infatti 14 box per la pensione, di cui sette riscaldati e altrettanti all’aperto, e una zona per attività di accoglienza diurna.

All’interno del edificio servizi si trova una sala veterinaria: qui, oltre agli incontri per l’adozione dei cani randagi del rifugio, si terranno anche corsi di formazione da parte di docenti specializzati in tematiche animali, attività educative con i bambini delle scuole, disabili e anziani.

Dna dei cani a Carmagnola, come mettersi in regola (ed evitare le multe)

Coloro che intendono adottare un cane o usufruire dei servizi offerti, possono recarsi sul posto negli orari di apertura al pubblico che sono fissati, in questa prima fase di avvio, dalle 15:30 alle 17 dal lunedì al venerdì e il sabato mattino 10-12.

In ogni caso è preferibile accedere su appuntamento, contattando il numero 011-9713688, in orario di ufficio dal lunedì al venerdì 8:30-12:30 e 14-16:30. Si ricorda che -nel rispetto delle normative veterinarie e sanitarie- non è possibile visitare il canile, semplicemente per curiosità.

Thiago, il bambino che fa il bagno ai cani randagi

Nuova occupazione e inserimenti lavorativi

Il canile di via Racconigi non porterà benefici solamente agli animali. Uno degli obiettivi primari della Cooperativa, con questa attività, è di aumentare e stabilizzare gli inserimenti lavorativi e creare nuovi posti di lavoro per giovani e disoccupati in genere, in cerca di nuova qualificazione professionale, compresi laureandi e laureati in Veterinaria.

Solidarietà Quattro è infatti un’importante realtà dal punto di vista occupazionale a Carmagnola, con circa 100 soci lavoratori dipendenti. Si occupa di servizi ad Enti e aziende, nei settore pulizie ambientali, movimentazione merci, manutenzioni per conto terzi, gestione di cucine in comunità e ristorazione aziendale. Dal 2020 ha anche promosso la gestione in proprio del negozio con cucina, bar e tavola calda “Dai campi alla Tavola”.

Romania, i calciatori portano i cani randagi in campo per promuovere l’adozione