Grande Viabilità, via libera dal Consiglio comunale di Carmagnola

597

Nella prima seduta del 2022, il Consiglio comunale di Carmagnola ha dato il proprio ok a due progetti legati alla grande viabilità: la Variante Est e l’allargamento della Statale 20.

grande viabilità carmagnola
L’allargamento della Statale 20 nel tratto tra Carmagnola e Carignano, insieme alla Variante Est, rappresenta un importante intervento per la grande viabilità carmagnolese.

Nel corso della prima seduta del 2022, il Consiglio comunale di Carmagnola ha dato il proprio ok a due progetti legati alla grande viabilità: l’ampliamento della Statale 20 e la Variante Est, ulteriore tratto della futura circonvallazione cittadina.

Rispetto alla SS20, l’allargamento -approvato all’unanimità- interesserà il tratto che va dallo svincolo per San Michele, sul rettilineo fuori dall’abitato di Salsasio, fino alla rotonda per Carignano e Piobesi, compreso il ponte sul Po.

Quella strada oggi risulta stretta e pericolosa -ha sottolineato il presidente della II Commissione, Domenico Tuninetti- Sarà costruita una rotonda all’incrocio con la strada che porta a San Michele, aumentando la sicurezza di uno svincolo oggi abbastanza critico. Il progetto prevede anche la nascita di una seconda rotatoria all’altezza dell’Università di Agraria, dopo il ponte in direzione Carignano, favorendo la circolazione anche dei mezzi agricoli“.

Si valuta l’allargamento dell’ex Statale 20 tra Carmagnola e Carignano

Via libera formale (e unanime) anche alla cosiddetta Bretella Est. “Quest’opera ci permetterà di collegare la Bretella Sud al casello di Carmagnola, togliendo traffico da tutta l’area sud della città, dove passano circa 50 mila veicoli al giorno“, ha dichiarato l’assessore Roberto Gerbino, ricordando come l’operazione sia stata ottimizzata per ridurre al minimo il consumo di suolo, oltre alla piantumazione di nuovi alberi per assorbire lo smog.

Sottolineo l‘importanza storica del momento -è intervenuta il sindaco Ivana Gaveglio- Gli ulteriori due lotti nord, che poteranno al completamento della tangenziale di Carmagnola, sono stati candidati ai fondi PNRR: speriamo a breve di poter avere risposte positive anche su questi progetti“.

Non sono mancati alcuni distinguo, come quello del consigliere d’opposizione Teresio Bosco, capogruppo della lista Elia (che ha comunque annunciato “a malincuore” il voto favorevole): “Questa soluzione mi dà l’idea di essere un ‘piano B’, peraltro mal riuscito: avrei preferito, e ritengo sarebbe stata ben più utile, la costruzione di un secondo casello alle Due Province, come inizialmente previsto. E, così facendo, si sarebbe risparmiato ancora maggior terreno agricolo“.

Variante Est di Carmagnola, lavori al via entro il 2022