I Distretti del Cibo del Piemonte a confronto al Mercato Centrale di Torino

439

I rappresentati dei Distretti del Cibo del Piemonte si sono confrontati in un convegno ad hoc nel Mercato Centrale di Torino. L’assessore  Protopapa: “Non una competizione tra territori, ma un’opportunità omogenea e diffusa tra tutti di mettere insieme le nostre produzioni piemontesi e i nostri tesori”.

distretti cibo piemonte
I prodotti del Distretto del Cibo del Chierese-Carmagnolese, il primo ad essere costituito in Piemonte (foto @ Regione Piemonte)

Le potenzialità dei Distretti del cibo in Piemonte e le strategie di sviluppo per i territori sono stati i temi del convegno che si è tenuto al Mercato Centrale di Torino su organizzazione dell’Assessorato all’Agricoltura della Regione.

Hanno partecipato gli assessori regionali all’Agricoltura Marco Protopapa e alla Cultura, Turismo e Commercio Vittoria Poggio, il presidente della Consulta nazionale Distretti del cibo Angelo Barone, i rappresentanti degli enti locali, delle organizzazioni agricole, del Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (CREA), docenti e ricercatori universitari esperti di problematiche distrettuali.

È dal 2020 che la Regione Piemonte ha voluto valorizzare i territori insieme alle produzioni agroalimentari tipiche attraverso l’approvazione del Regolamento regionale dei Distretti del cibo, che permette di ottenere un riconoscimento ufficiale e l’iscrizione all’Albo nazionale. Il Chierese-Carmagnolese è stato il primo ad essere creato e a seguire sono stati ufficializzati quelli del cibo del Roero, del cibo e del vino Langhe-Monferrato, del Monregalese-Cebano a indirizzo biologico. Sono in fase di costituzione il Distretto della frutta e il Distretto del Mombarone della Serra Morenica e del Naviglio di Ivrea.

Italia Viva chiede un “piano regolatore” per il Distretto del Cibo Carmagnolese-Chierese

Il convegno è stato così l’occasione per un confronto tra i rappresentanti dei Distretti già esistenti e per portare le esperienze utili per i futuri soggetti.

L’assessore Protopapa ha sottolineato che “i Distretti del cibo sono una grande scommessa per i nostri territori, intesi come strumenti di investimento che la Regione ha fortemente voluto e sostiene nel percorso di costituzione, soprattutto nelle difficoltà legate alla burocrazia. Il Distretto rappresenta infatti l’opportunità di mettere insieme le nostre produzioni piemontesi e i nostri tesori, e non deve essere una competizione e una sovrapposizione di territori, ma un’opportunità omogenea e diffusa tra tutti, lavorando sul prodotto e sulla promozione”.

Ha precisato l’assessore Poggio: “Credo nell’importanza dei Distretti del cibo per lo sviluppo delle attività economiche del territorio al pari dei Distretti del commercio che abbiamo attivato come Regione partendo dalle realtà locali, in questo caso dalla filiera agricola con altre attività produttive. I distretti generano crescita economica e promuovono i nostri territori anche per quanto riguarda l’offerta turistica. Un risultato che si raggiunge partendo dal basso, grazie ai soggetti presenti sul territorio locale che lavorano in sinergia e alla progettualità tra pubblico e privato, come è avvenuto per la nascita dei Distretti del commercio piemontesi”.

Ghio nuovo presidente del Distretto del Cibo del Chierese e Carmagnolese