Carmagnola: una nuova lapide per ricordare i 500 anni dal primo Voto all’Immacolata

572

Il Comune di Carmagnola ha dato incarico di realizzare una nuova lapide commemorativa per ricordare le celebrazioni in memoria dei 500 anni dal primo Voto all’Immacolata. Sarà posizionata in piazza Sant’Agostino, sulla facciata del liceo.

celebrazioni voto immacolata carmagnola
Un momento della posa della lapide commemorativa del Voto del 2020, quando la Città si affidò alla sua Patrona contro il Coronavirus (foto di Filiberto Alberto)

Con un impegno di spesa di circa 3600 euro, il Comune di Carmagnola ha affidato la realizzazione di una lapide commemorativa, che servirà a celebrare i 500 anni dal primo Voto all’Immacolata da parte della Comunità cittadina.

«È intenzione dell’Amministrazione ricordare il 500esimo anniversario dal Voto del 1522 all’Immacolata Vergine Maria, patrona della Città, nell’ambito della rassegna di eventi iniziati il 25 marzo e denominati “Nel cuore di Maria: cinque secoli di devozione”, da cui emerge che la fiducia dei Carmagnolesi nella protezione dell’Immacolata si è manifestata ininterrottamente nel corso dei secoli», spiegano da Palazzo.

Rinnovato il Voto di Carmagnola all’Immacolata, 500 anni dopo

La targa -la cui realizzazione è stata affidata alla ditta Carmagnola Marmi- verrà affissa in piazza sant’Agostino, sulla facciata del liceo “Baldessano”, accanto alla chiesa di Sant’Agostino, dove già sono riportate alcune lapidi che ricordano i vari momenti in cui i Carmagnolesi si sono affidati alla Madonna.

Più volte, nella storia di Carmagnola, è stato infatti rinnovato il Voto alla Vergine: nel
1522 e nel 1630 per la peste, nel 1714 contro la moria di bestiame, nel 1734 per la siccità, nel 1835 contro il colera, nel 1944 per invocare il termine della seconda guerra mondiale e, l’ultima volta, il 25 marzo 2020 per chiedere aiuto e protezione alla santa Patrona contro il contagio da Coronavirus, non dimenticando i rinnovi del 1760, 1814, 1854, 1904, 1922 e nell’Anno Giubilare 2000 .

Una targa in memoria del Voto all’Immacolata contro il Coronavirus