Lav in piazza a Carmagnola e Carignano per un’Europa senza pellicce

150

La LAV torna in piazza -sabato 19 novembre a Carmagnola e domenica 20 novembre a Carignano- per chiedere lo stop all’uso delle pellicce in Europa.

lav pellicce carmagnola carignano
Il 19 e 20 novembre i volontari LAV saranno in piazza a Carmagnola e Carignano per la raccolta firme “Fur Free Europe”

Nel fine settimana la LAV scenderà nuovamente in piazza con una campagna finalizzata a impegnare la Commissione Europea a vietare gli allevamenti di animali da pellicce in tutta Europa e chiedere il divieto di commercio, e quindi anche di import, di prodotti di pellicceria: i volontari dell’Associazione animalista saranno presenti sabato 19 novembre 2022 a Carmagnola, in piazza Sant’Agostino, e domenica 20 novembre 2022 a Carignano, in piazza Carlo Alberto, con orario 9-12:30 e 14-17:30.

“Elemento centrale della campagna è una raccolta di firme online denominata “Fur Free Europe”, avviata lo scorso maggio e di cui LAV è diretta promotrice -spiegano i portavoce cittadini- Mentre a livello nazionale eravamo impegnati per raggiungere lo storico traguardo del divieto all’allevamento di animali destinati alla produzione di pellicce, si è sviluppato questo ulteriore percorso di intervento a livello europeo, in sinergia con Eurogroup for Animals”.

Olimpiadi 2024, Vuitton a rischio sponsor per pellicce animali

Obiettivo di “Fur Free Europe” è raggiungere un milione di firme in tutta l’Unione Europea entro il 18 maggio 2023; nei primi quattro mesi dal lancio dell’iniziativa è già stata raggiunta la soglia delle 400 mila firme. “Un inizio straordinario, significativo della sensibilità e del rispetto verso gli animali ormai consolidato nella nostra società e che ci incoraggia a proseguire verso il traguardo e salvare milioni di animali”.

Sono già 14 gli Stati membri, tra cui anche l’Italia, che hanno formalmente messo al bando gli allevamenti di animali per la produzione di pellicce. “Purtroppo sono però ancora oltre 18 milioni gli animali (visoni, volpi, cani-procione e cincillà) allevati e uccisi ogni anno in territorio europeo, a partire da Polonia, Grecia e Finlandia -concludono dalla LAV- Importantissima sarà dunque la partecipazione di tanti cittadini anche a questa nuova iniziativa”.

Per maggiori informazioni è possibile chiamare il 340 -0062741 o scrivere via email a lav.carmagnola@lav.it.

Kim Basinger si unisce alla campagna del Mirror contro l’industria di pellicce nel Regno Unito