Moretta dona un sacchetto di terra per i “cugini” in Argentina

557

Il console italiano onorario di Rafaela in Argentina ha bussato alla porta del sindaco di Moretta per chiedere un sacchetto della terra dei propri avi.

moretta argentina
Il console italiano onorario della città di Rafaela in Argentina, Italo Juan Cassina, e il sindaco di Moretta Gianni Gatti

Il sindaco Gianni Gatti, a nome di tutti i cittadini di Moretta, ha consegnato un sacchetto di terra morettese al console italiano onorario di Rafaela in Argentina, Italo Juan Cassina, in visita in Piemonte per una ricerca sui propri avi.

“La storia narra che la città di Rafaela, il centro più popoloso della provincia centrale
di Santa Fe, nella Pampa Argentina, venne fondata nel 1881, dalla vendita di una
serie di lotti di terreno del latifondista svizzero Lehmann a una sessantina di famiglie
emigrate. La maggior parte di loro erano piemontesi –
fanno sapere dal Comune di Moretta- Rafaela, che oggi ha 90 mila abitanti, è gemellata con Fossano e, a distanza di oltre 140 anni dalla fondazione, mantiene saldi i suoi legami con il Piemonte”.

Mauricio Pochettino, un documentario sulle origini virlesi dell’allenatore del Psg

Cassina conosce molto bene il Piemonte e ha effettuato una serie di ricerche per risalire alle
famiglie cuneesi che diedero un contributo fondamentale alla nascita della sua
città; ne sono state individuate 11 in tutto e due di queste, Podio e Oliveri, erano
originarie di Moretta.

“Come sempre accade nello sguardo degli argentini si legge un’emozione particolare quando tornano nella terra dei loro avi –ha commentato il sindaco Gatti- Il console mi ha chiesto un sacchetto di terra di Moretta perché vuole raccogliere una traccia di questo passato, che poi andrà a far parte di un monumento agli italiani fondatori della città“.

Gatti ha consegnato al console onorario anche un attestato che certifica la provenienza della terra e alcuni volumi sulla storia di Moretta.

“Quando Diego Armando Maradona si allenò a Carmagnola”