Parole dal cassetto, premiati a Vinovo i vincitori del concorso di poesia e filastrocche

618

Si è svolta a Vinovo la cerimonia di premiazione del concorso di poesia e filastrocche “Parole dal cassetto”: ecco tutti i vincitori nelle varie categorie.

La premiazione si è tenuta nella splendida sala degli affreschi al castello della Rovere di Vinovo (foto: Claudio Bonifazio)

Nella sala degli affreschi del castello Della Rovere a Vinovo si è tenuta la cerimonia di premiazione del concorso di poesiaParole dal cassetto“, organizzato da Il Chisolino e patrocinato dal Comune di Castagnole Piemonte.

Di seguito i premiati in tutte le categorie.

Categoria Poesie Senior:
1° “Reparto presse al Lingotto” di Luciano Milanese da Poirino
2° “Dignità infranta” di Stefania Siani da Salerno
3° “I nonni” di Gianfranco Antuono da Caserta

Categoria Poesie Junior:
1° “La pandemia” di Simone Aiello da Roma
2° “Parentesi di pura felicità” di Serena Racca da Vigone
3° “A mia mamma” di Lucia Miccoli da Chieti

Categoria Filastrocche Senior:
1° “Una dritta è Giuditta” di Rita Giovanna Cavicchi da Bologna
2° “Il piccolo pero” di Maria Emma Allamandri da Rimini
3° “L’aquilone” di Pierangela Brugola da Lecco

Categoria Filastrocche Junior:
1° “Mamma sei” di Ciro Piccolo da Napoli
2° “Filastrocca della classe 3B” della classe, ore 4B, dell’ IC di Candiolo
3° “La scelta della cicogna” di Giulia Marinari da Torino

Concorso di poesia a Poirino, ecco tutti i premiati

Il premio speciale “Segnalazione di merito” è andato a “Dignità infranta“, un’opera sul tema del femminicidio, mentre il premio speciale “Menzione della Giuria” è stato consegnato a Matteo Racca da Vigone.

Durante la serata la partecipante Lucrezia Tomas da Cesenatico, vincitrice del premio speciale “Voci Note“, ha potuto vedere la sua opera trasformata in una canzone, grazie al cantautore Beppe Varrone e al chitarrista Massimiliano Squillace.

Infine il castagnolese Lorenzo Bottallo ha vinto il premio speciale “Voci su panchina“: le parole della sua poesia “The bell tower ovvero ‘L Chiuchè” verranno impresse in modo indelebile in una o più panchine del Comune.

Vinovo: una panchina in memoria di Emanuela Urso, vittima di femminicidio