Sport Rally Team, successo per il Test Day nel Roero

345

Tutti presenti al Test Day svoltosi a Monteu Roero, organizzato dallo Sport Rally Team di Carmagnola per far conoscere i nuovi pneumatici da gara della Michelin.

Sport Rally Team Roero
Il parco assistenza a Monteu Roero in occasione del Test Day organizzato da Sport Rally Team con Michelin Motorsport (foto Magnano)

Anche il sole ha voluto essere presente al test organizzato a Monteu Roero dallo Sport Rally Team di Carmagnola, con i tecnici Michelin Motorsport che hanno fatto provare il loro nuovo pneumatico Pilot Sport A.

L’evento si è tenuto a porte chiuse, viste le norme anti-contagio imposte dall’emergenza Covid, con il Piemonte in Zona arancione rafforzato. “L’assenza degli spettatori è stata l’unica nota negativa di questa giornata -commenta il carmagnolese Piero Capello, patron di Srt, a fine giornata- Monteu Roero ci ha accolto a braccia aperte, e sarebbe stato bello, come accaduto quattro anni fa in era pre Covid, avere il pubblico festante lungo la strada e riempire bar e ristoranti della zona all’ora di pranzo. Ma tant’è, si è dovuto fare necessità virtù“.

In ogni caso, di sostanza a questo test ce ne è stata parecchia. A cominciare dai piloti, con la presenza del “rosso” Alessandro Battaglin, venuto dal Veneto per testare assieme alla sua compagna e navigatrice Serena Pagliarini la Hyundai i20, e di Rachele Somaschini, che ha fatto salire sulla sua Citroën DS3 R3T il “globe trotter” Nicola Arena.

Sport Rally Team Roero
Niente pubblico lungo le strade roerine a causa delle restrizioni anti-contagio (foto Magnano)

Alla nutrita pattuglia svizzera, capeggiata da Olivier Burri, Sacha Althaus e Ivan Ballinari, che si sono divertiti e hanno anche lavorato sodo per sistemare gli assetti delle loro Volkswagen Polo GTI e Škoda Fabia R5. O ancora i “figliol prodigo” Michele Tassone, tornato al volante di una vettura da rally dopo quattro anni, e Frank D’Ambra, velocissimo a scendere in pista essendosi presentato per primo al punto di partenza, lontano sette anni dalle prove speciali e impegnato alla guida della Škoda Fabia Evo del padre Mario.

E poi i top driver locali quali Matteo Giordano, il sempre verde Mario Viotti, Patrick Gagliasso (che ha effettuato il maggior numero di passaggi sulla prova), Massimo Marasso e Armando Defilippi, che hanno scaldato i muscoli in vista degli impegni futuri.

O semplicemente hanno colto al balzo l’occasione per fare qualche giro sui cinque chilometri di strada chiusa al traffico che partiva dal cimitero di Monteu Roero scendeva nervosa, scivolosa e stretta con tornanti e brevi scatti fino a incrociare la provinciale 522 in Frazione Tre Rivi e iniziare con una bella spazzolata alla rotonda l’impegnativa salita verso il paese, diventato per l’occasione un unico parco assistenza.

A fine giornata, Capello ha tracciato un bilancio decisamente positivo: “L’evento è riuscito perfettamente, grazie alla collaborazione dei commissari di percorso cuneesi de ‘La Granda’ che hanno puntigliosamente presidiato il percorso, allo staff del Sport Rally Team, che oltre a curare l’allestimento della prova, ha svolto tutte le mansioni di supporto, ai cittadini di Monteu Roero, che dopo quattro anni ci hanno nuovamente accolto con benevolenza”.

Successi “made in Carmagnola” al rally Ronde del Canavese 2021