Terapia intensiva all’ospedale San Lorenzo di Carmagnola: affidati i lavori

628

L’Asl TO5 ha affidato la progettazione e direzione lavori per la realizzazione di otto posti letto di terapia intensiva all’ospedale San Lorenzo di Carmagnola, un intervento dal costo complessivo di oltre due milioni di euro.

terapia intensiva ospedale carmagnola
Procede l’iter burocratico per la realizzazione del nuovo reparto di terapia intensiva all’ospedale San Lorenzo di Carmagnola

Si appresta a diventare realtà il nuovo reparto di terapia intensiva all’ospedale San Lorenzo di Carmagnola, annunciato al termine della prima ondata Covid-19 nell’ambito del potenziamento della Sanità piemontese.

L‘Asl TO5 ha affidato l’incarico della progettazione e direzione lavori -per un importo di circa 140 mila euro, Iva e contributi inclusi- a un raggruppamento di imprese che comprende le ditte Policreo srl di Parma, General Planning srl di Milano, Sint srl di Bassano del Grappa e Aegis srl Cantarelli & Partners di Brescia.

Nuova Rianimazione a Carmagnola, con otto postazioni di terapia intensiva

L’incarico assegnato include la realizzazione di rilievi planimetrici delle aree interessate e dei fabbricati esistenti; le relazioni geotecnica, sismica e geologica oltre a quella acustica e a quella energetica; la redazione del progetto di fattibilità tecnico-economica e del progetto definitivo per la gara di appalto.

In fase di cantiere, le ditte indicate dovranno dirigere i lavori, tenere la contabilità, assistere al collaudo e alle prove tecniche, fino a fornire un certificato di regolare esecuzione.

San Lorenzo, scampato pericolo: arriverà la terapia intensiva a Carmagnola

Il valore totale dell’intervento per la creazione del nuovo reparto di rianimazione del San Lorenzo ammonta a oltre 2 milioni di euro, per la ristrutturazione degli spazi di degenza ordinaria con trasformazione in terapia intensiva, inclusi i necessari adeguamenti impiantistici.

La gara d’appalto dovrebbe essere indetta entro il mese di marzo 2021.

Covid-19 e terapia intensiva: il racconto della comandante Creuso