Superate le 11 mila firme contro le scorie nucleari a Carmagnola

483

La raccolta firme contro l’ipotesi di creare a Carmagnola il deposito nazionale delle scorie nucleari ha superato le 11 mila adesioni.

firme scorie nucleari carmagnola
Uno dei banchetti di raccolta firme contro il deposito di scorie nucleari a Carmagnola

Prosegue la raccolta firme contro l’individuazione di Carmagnola tra i siti idonei alla creazione del futuro deposito nazionale delle scorie nucleari.

A oggi, stando a quanto comunicato dal Comitato civico “No al deposito di rifiuti radioattivi a Carmagnola”, con portavoce il sindaco Ivana Gaveglio, sono oltre 11 mila i cittadini che hanno aderito alla petizione.

Rifiuti radioattivi a Carmagnola, intervista al sindaco Ivana Gaveglio

Alle circa 5.500 firme raccolte fisicamente, con banchetti allestiti a Carmagnola e nei Comuni limitrofi, se ne sommano altrettante frutto della petizione online.

Il Comitato ringrazia sentitamente tutte le persone che hanno aderito alla mobilitazione e i Comuni del territorio che si sono mobilitati compatti per sostenere le ragioni del no -dichiarano i promotori dell’iniziativa- Occorre raccogliere ancora molte firme affinché la petizione abbia un forte peso quando verrà inviata alla Sogin, al Ministero dello Sviluppo Economico e al Ministero dell’Ambiente con la richiesta di eliminare il sito di Carmagnola dal documento di proposta di Carta nazionale delle aree potenzialmente idonee ad ospitare il deposito“.

Deposito nazionale delle scorie nucleari, è pubblica la mappa dei 67 siti idonei in Italia

Il Comitato civico ribadisce quindi le motivazioni della propria contrarietà alla localizzazione del deposito nazionale delle scorie nucleari a Carmagnola: “Non vogliamo perdere pregiati terreni agricoli, coltivati da generazioni; la nostra identità territoriale si fonda sui grandi prodotti di qualità della nostra agricoltura, dal peperone di Carmagnola al porro lungo e dolce di Carmagnola, dalla tinca gobba dorata del Pianalto di Poirino Dop all’asparago di Santena; come certificato anche dall’avviamento del Distretto del Cibo della Zona Omogenea 11 della Città Metropolitana di Torino; Carmagnola fa parte del sito Riserva di Biosfera MAB Unesco CollinaPo, riconoscimento che ha individuato il nostro territorio e quello di oltre 80 altri comuni lungo il percorso del Po come meritevole di protezione per le peculiari caratteristiche ambientali e culturali; il territorio di Carmagnola comprende un bosco di ontani neri, bianchi e salice bianco, classificati come habitat prioritario, e specie faunistiche come il Pelobate Fosco che rientrano nelle liste rosse delle specie da proteggere; nell’area in cui è ipotizzato l’insediamento del deposito, vi sono falde acquifere superficiali e risorgive che lo rendono non idoneo ad ospitare il sito di stoccaggio dal punto di vista idrogeologico e per il rischio di inquinamento delle acque; l’area del sito è vicina ai centri abitati e soprattutto ad alcune cascine storiche, nonché al complesso dell’Abbazia di Casanova, risalente all’anno 1100 e tutelata dalla Soprintendenza; negli ultimi anni è emersa sempre più la consapevolezza sul valore del cibo e sull’importanza della sua qualità e sicurezza che vanno difese e valorizzate per difendere la sovranità alimentare, e si è contemporaneamente registrato un ritorno dei giovani alla campagna che investono in imprese agricole di qualità, con produzioni biologiche, tipiche e innovative“.

Deposito nucleare, primo confronto tra Sogin e i territori del Piemonte