Calano i contagi Covid-19 nel Carmagnolese: -20% in una settimana

1013

Nel giorno in cui il Piemonte entra ufficialmente in zona arancione, i contagi Covid-19 nell’area carmagnolese sono 1.819, il 20% in meno di domenica scorsa. Gli ospedali restano quasi saturi; situazione ancora difficile a Pancalieri.

contagi Covid per abitanti 29 novembre Carmagnolese
La mappa regionale riferita all’area carmagnolese relativa al rapporto tra i positivi al Covid-19 e i residenti

Nel giorno in cui il Piemonte entra ufficialmente in zona arancione, la curva dei contagi Covid-19 nel Carmagnolese fa segnare un netto calo: -20,4% in media rispetto a domenica scorsa 22 novembre, con diminuzione dei casi in quasi tutti i Comuni.

Restano comunque oltre 1.800 positivi a livello territoriale, di cui più di 400 nella sola Carmagnola: il totale è paragonabile a quello di inizio novembre, con circa 600 casi in meno  rispetto al picco massimo di metà mese.

E’ però ancora critica la situazione nei tre ospedali dell’Asl TO5, con un tasso di occupazione del 100% per le terapie intensive (20 su 20) e solo una decina di posti letto liberi al San Lorenzo, pari a circa l’8% dei 123 complessivamente a disposizione nel Covid Hospital cittadino.

Piemonte in zona arancione, cosa cambia dal 29 novembre

Questi i dati ufficiali (fonte: Regione Piemonte) suddivisi per Comune e aggiornati a oggi, domenica 27 novembre. Tra parentesi, la differenza percentuale rispetto alla scorsa settimana.

  • Carmagnola 407 (-25%)
  • Vinovo 219 (-19%)
  • Poirino 139 (-30%)
  • Santena 131 (-11%)
  • Racconigi 124 (-13%)
  • La Loggia 111 (-19%)
  • Carignano 104 (-35%)
  • Pancalieri 92 (+26%)
  • Villastellone 77 (-31%)
  • Sommariva del Bosco 67 (-19%)
  • Piobesi Torinese 65 (-34%)
  • Cambiano 64 (-20%)
  • Caramagna Piemonte 44 (-2%)
  • Ceresole d’Alba 41 (+21%)
  • Castagnole Piemonte 32 (invariato)
  • Pralormo 30 (-6%)
  • Casalgrasso 23 (-47%)
  • Polonghera 19 (invariato)
  • Lombriasco 16 (invariato)
  • Virle Piemonte 7 (-50%)
  • Osasio 7 (+40%)

A fronte di un calo diffuso e abbastanza omogeneo, gli unici aumenti statisticamente significativi sono quelli di Pancalieri (dove nei giorni scorsi c’era stato un focolaio in una RSA) e Ceresole d’Alba: in entrambi i Comuni si segnalano anche alcuni decessi e altre situazioni ancora critiche.

Questi due territori restano anche gli unici due ancora al livello massimo di allerta regionale per quanto riguarda il rapporto tra positivi al Coronavirus e residenti: i contagiati rappresentano il 4,4% della popolazione pancalierese e il 2% di quella ceresolese.

Emergenza Covid, cluster in una Rsa di Pancalieri: più di 40 contagiati