Carmagnola: “All’inferno e ritorno” con l’economista Carlo Cottarelli

1370

L’ex direttore del Fondo Monetario Internazionale, Carlo Cottarelli, presenta a Carmagnola “All’inferno e ritorno – Idee per la nostra rinascita sociale ed economica”. L’evento rientra nella rassegna CuneiForme 2021 e negli appuntamenti del Mese della Cultura 2021.

Carlo Cottarelli Carmagnola
Carlo Cottarelli ai tempi del Fondo Monetario Internazionale (foto di Eugene Salazar – Progetto Cantoregi)

Lunedì 28 giugno 2021, nel cortile del castello di via Silvio Pellico 5 a Carmagnola, Carlo Cottarelli, ex direttore del Fondo Monetario Internazionale e apprezzato economista a livello mondiale, presenta il suo ultimo libro “All’inferno e ritorno – Idee per la nostra rinascita sociale ed economica”, ospite della rassegna CuneiForme di Progetto Cantoregi e Le Terre dei Savoia, dedicata quest’anno al tema “riCostruire”.

L’appuntamento -che fa parte anche del cartellone del Mese della Cultura 2021 promosso dal Comune di Carmagnola- avrà inizio alle ore 20:45, e sarà aperto al pubblico, con ingresso gratuito nel rispetto delle normative anti-Covid in vigore. La prenotazione è consigliata, vista la limitata capienza. In caso di maltempo l’evento verrà svolto nella vicina chiesa di San Filippo.

Giugno 2021, Carmagnola dedica un mese alla Cultura

Quali sono le sfide che dobbiamo accogliere per raggiungere una crescita sostenibile del 2% l’anno? E che tipo di giustizia sociale vogliamo? Giustizia sociale e crescita sostenibile: questa è la ricetta per evitare il collasso e cominciare la ricostruzione. Così possiamo cambiare l’Italia“, si legge nella presentazione dell’evento, durante il quale Cottarelli dialogherà con il giornalista Paolo Griseri.

Il mondo sta affrontando la peggiore crisi economica dalla Seconda Guerra Mondiale -riflette l’economista nel suo libro- Nel 2020 il Pil globale potrebbe scendere del 5 per cento. Nel Dopoguerra era sempre cresciuto, a parte una piccola discesa nel 2009, l’anno della grande crisi finanziaria. Il virus sta facendo danni più gravi di Lehman Brothers. E l’Italia? Bisogna tornare al 1945 per trovare un dato peggiore di caduta del Pil. Negli ultimi vent’anni, siamo stati il fanalino di coda dell’Europa in termini di crescita. Oggi, mentre il mondo che conosciamo sembra al collasso, dobbiamo essere all’altezza delle misure necessarie ad ammortizzare la crisi economica, con interventi di lunga durata e con una rapida capacità di attuazione. Dobbiamo chiederci perché non ci sia (ancora) stata una crisi finanziaria. E, a proposito dell’Italia, quanto può salire ancora il debito pubblico? Di certo abbiamo davanti a noi la responsabilità della ricostruzione“.

Dal 12 giugno in scena la rassegna CuneiForme 2021 di Progetto Cantoregi

Carlo Cottarelli si pone al confine tra il mondo che crolla e il mondo che verrà dopo. “Precipitati nel baratro dell’emergenza, abbiamo una grande opportunità: correggere molti errori ripetuti nel passato per aprire strade che accompagnino il nostro Paese in un futuro migliore. L’Italia ha bisogno di tornare a crescere, ma in modo sostenibile dal punto di vista sociale, finanziario e ambientale. Dobbiamo salvare la nostra economia, ma per farlo abbiamo bisogno di più uguaglianza, soprattutto nelle opportunità che vengono fornite alle nuove generazioni“.

Carlo Cottarelli, classe 1954, dopo aver lavorato in Banca d’Italia ed Eni, dal 1988 al 2013 è stato nello staff del Fondo Monetario Internazionale, dirigendo il dipartimento di Finanza pubblica dal 2008 al 2013. È stato Commissario straordinario per la revisione della spesa, nominato dal Governo italiano, dall’ottobre 2013 al novembre 2014. Dopo il ritorno per tre anni al FMI come direttore esecutivo, dal novembre 2017 dirige il nuovo Osservatorio sui conti pubblici dell’Università Cattolica di Milano e insegna all’Università Bocconi, sempre a Milano.

CuneiForme: sabato a Racconigi lo spettacolo “Cambiare il clima”

Ha scritto numerosi articoli e libri accademici. Per Feltrinelli ha pubblicato svariati libro, tra cui La lista della spesa. La verità sulla spesa pubblica italiana e su come si può tagliare (2015), Il macigno. Perché il debito pubblico ci schiaccia e come si fa a liberarsene (2016), I sette peccati capitali dell’economia italiana (2018) e Pachidermi e pappagalli. Tutte le bufale sull’economia a cui continuiamo a credere (2019).

Bookshop a cura della libreria Mondadori Point di Carmagnola (La Torre di Babele). I diritti d’autore del libro saranno devoluti a Save the Children – Italia. L’evento è in collaborazione con Fiera Piemontese dell’Editoria

Per informazioni e prenotazioni, chiamare il numero 349-2459042 o scrivere a info@progettocantoregi.it.

Il principe Carlo supporta le piccole aziende agricole e la sostenibilità