Consiglio comunale straordinario sulla tangenziale a Carmagnola

255

Proposta del Partito Democratico, accolta da tutti i capigruppo: si lavorerà a un documento politico unitario, a sostegno del completamento della tangenziale carmagnolese con la Variante Est e, soprattutto, la Bretella Nord.

consiglio comunale carmagnola tangenzialeUn Consiglio comunale straordinario, forse già la prossima settimana, per discutere di tangenziale a Carmagnola: questa la proposta lanciata ieri sera, nel corso della seduta di novembre dell’Assise Civica, dal capogruppo del Partito Democratico, Paolo Sibona, e accolta dal presidente del Consiglio comunale, Paolo Sobrero (Lega).

Il PD ha infatti scelto di ritirare il proprio Ordine del Giorno sulla Bretella Est, che avrebbe dovuto essere discusso ieri sera ma che in apertura di dibattito il sindaco Ivana Gaveglio aveva definito “superato” dall’evolversi della situazione nei giorni scorsi, con la definizione di una convenzione tra Comune, Ministero, Autostrada, Regione e Città Metropolitana.

“L’iter per la costruzione della Variante Est si può considerare avviato, anche grazie all’impegno preso dall’assessore regionale Francesco Balocco, che ha già messo a bilancio sul 2019 la somma necessaria -ha sottolineato Ivana GaveglioOccorre però lavorare insieme, la Giunta con tutto il Consiglio comunale, per ottenere anche il terzo lotto, quello relativo alla “Bretella Nord”, su cui invece ci sono delle remore in più da parte di alcuni Enti, a partire dalla Città Metropolitana“.

Da qui l’accordo con il Partito Democratico, per cercare di dare vita a un documento che sia condiviso da tutte le forze politiche, a sostegno di una nuova viabilità in grado di “alleggerire” la città dal passaggio di auto e tir.
Sia chiaro che la circonvallazione di Carmagnola va fatta tutta, fino al Molinasso, a completare quella sorta di “C” rovesciata che dovrebbe risultare dall’unione di bretella sud, variante est e futura bretella nord -ha sottolineato l’ex vicesindaco Emilio GamnaPer questo riteniamo fondamentale che tutto il Consiglio comunale prenda una posizione unitaria e mandi un chiaro segnale politico a tutti gli altri Enti coinvolti, indipendentemente dalle maggioranze politiche“.

Da parte dei capigruppo di Maggioranza -Beppe Quattrocchio (Lega) e Mimmo La Mura (Forza Italia)- è venuta la richiesta di un testo che non riporti alcun simbolo di partito.
Tutti i consiglieri si sono quindi espressi favorevolmente per la convocazione a breve del Consiglio comunale straordinario “a tema”.