Il Baldessano-Roccati nella Giuria del David Giovani, premiate due studentesse carmagnolesi

109

L’Istituto “Baldessano-Roccati” di Carmagnola ha partecipato nuovamente al Premio David di Donatello, in collaborazione con il Cinema Elios. Gli studenti hanno decretato il film migliore tra quelli proposti e scritto un elaborato a tema; sono state premiate le studentesse Annalisa Vetrò ed Elisa Robiola.

Baldessano Roccati David
Al concorso di Agis Scuola ha ottenuto il primo posto il tema di Annalisa Vetrò (4ALC), seguito da quello di Elisa Robiola (4ALC), studentesse del Baldessano-Roccati di Carmagnola. Alla vincitrice sarà data la possibilità di far parte della Giuria del Premio Leoncino d’oro, a Venezia, mentre il secondo posto offre una settimana al Campus Cinema Scuola Giovani, a Roma [Immagine di repertorio].
Per il secondo anno consecutivo, l’Istituto “Baldessano-Roccati” di Carmagnola è stato coinvolto nella Giuria del Premio David di Donatello Giovani, con la partecipazione di studenti e insegnanti.

In particolare, gli allievi delle classi 4ALC e 5DPS hanno votato il film migliore e consegnato un elaborato all’Agis Scuola, sotto la supervisione dei docenti Enrico Olivero e Cinzia Virzì.

David di Donatello 2021, il Baldessano-Roccati nella Giuria giovanile

Abbiamo ripetuto l’esperienza dell’anno scorso, con l’aiuto del Cinema Elios e in particolare di Anna Torazza -spiega Enrico Olivero- Dopo la visione dei film e la votazione, agli alunni è stato richiesto un elaborato di carattere generale, non professionale. I voti sono stati molto variegati, ma la pellicola che ha ottenuto il maggior numero di giudizi positivi si è rivelata “È stata la mano di Dio”, di Paolo Sorrentino.

Per quanto riguarda i temi, ha ottenuto il primo posto il tema di Annalisa Vetrò (4ALC), seguito da quello di Elisa Robiola (4ALC). Alla vincitrice sarà data la possibilità di far parte della giuria del Premio Leoncino d’oro, a Venezia, mentre il secondo posto offre una settimana al Campus Cinema Scuola Giovani, a Roma.

Tutti gli elaborati erano molto interessanti, anche per le diverse preferenze degli studenti e per il loro impegno” conclude Olivero.

“Adesso scrivo io”: pubblicato il libro con i racconti vincitori del concorso scolastico