Italia Viva: analisi e proposte sulla Sanità in Piemonte

296

Si intitola “Usiamo la testa per far funzionare la Sanità in Piemonte” l’incontro organizzato da Italia Viva domani pomeriggio, venerdì, a Chieri.

pronto soccorso San Lorenzo sanità in piemonte
L’ospedale San Lorenzo di Carmagnola (foto di Francesco Rasero – Il Carmagnolese)

Venerdì 16 febbraio 2024, alle ore 17:45 nell’auditorium “Leo Chiosso” di Chieri, Italia Viva terrà un importante evento dal titolo “Usiamo la testa per far funzionare la Sanità in Piemonte – Competenze, organizzazione e innovazione per curare il Servizio Sanitario Regionale”.

Pier Antonio Pasquero, presidente di Italia Viva del Chierese-Carmagnolese, aprirà la serata presentando gli ospiti; il sindaco Sicchiero porterà i saluti della Città, ma coglierà l’occasione anche per evidenziare “il silenzio sulle sorti dell’ospedale cittadino, alla luce della realizzazione del nuovo ospedale di Cambiano“, che dovrebbe assorbire l’attività oggi svolta dai nosocomi di Chieri, Carmagnola e Moncalieri.

Ospedale unico Asl TO5, al via la progettazione: sarà realtà nel 2030?

«Il tema dell’evento è la gestione razionale delle risorse pubbliche impiegate nell’assistenza sanitaria in Piemonte -spiega Pasquero L’auspicio è che la nostra Regione possa finalmente raggiungere gli standard di servizio garantiti dai servizi sanitari delle del nord Italia».

La partecipazione politica sarà di grande rilievo, vista la presenza della senatrice Silvia
Fregolent, presidente regionale di Italia Viva Piemonte; di Maria Angela Ferrero, presidente di Italia Viva Provincia di Torino e dell’onorevole Luigi Marattin, responsabile economico del partito.

Pasquero eletto presidente di Italia Viva per il Carmagnolese e il Chierese

Tra i relatori spicca il nome del dottor Giovanni Monchiero, già direttore generale dell’Asl di Alba-Bra egià commissario straordinario dell’ospedale Molinette, deputato della Repubblica per una legislatura, membro della Commissione Sanità.

Il panel dei relatori è completato da Sergio Bretti, oncologo, già primario della Asl TO4, e da Franco Ancona, professionista già impegnato in importanti progetti di razionalizzazione e di trasformazione organizzativa di servizi sanitari regionali.

Il dibattito sarà moderato da Rodolfo Brun, psicologo, già responsabile del Servizio psicologico del Centro trapianti dell’ospedale Città della Salute.

Infermiera aggredita al Pronto Soccorso di Carmagnola: «serve più sicurezza»