Medaglia d’onore alla memoria del carmagnolese Domenico Saroglia

671

Con una cerimonia svoltasi a Torino è stata assegnata una medaglia d’onore al carmagnolese Domenico Saroglia, deportato in Germania dai nazisti.

Saroglia carmagnola medaglia
La cerimonia di consegna della medaglia d’onore alla memoria di Domenico Saroglia, ritirata da figlio Antonio

Una medaglia d’onore “alla memoria” è stata assegnata al carmagnolese Domenico Saroglia -deportato in Germania durante il Nazismo- su decreto del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

L’onorificenza è stata consegnata al figlio Antonio, nel corso di una cerimonia che si è svolta in Prefettura a Torino, alla presenza anche del sindaco di Carmagnola, Ivana Gaveglio, invitata in rappresentanza della città dal prefetto Raffaele Ruberto.

Le medaglie d’onore sono state conferite ai cittadini -militari e civili- deportati e internati nei lager nazisti e destinati al lavoro coatto per l’economia di guerra, e ai famigliari dei deceduti.

Saroglia carmagnola
I documenti che attestano la deportazione del carmagnolese Domenico Saroglia nei campi lavoro nazisti tedeschi

Domenico Saroglia, nato il 16 luglio 1908, fu fatto prigioniero dalle truppe naziste durante un rastrellamento il 9 settembre 1943 a Milano. Venne quindi deportato in Germania, a Luckenwalde, rinchiuso nel campo di concentramento destinato a prigionieri politici e militari. Fu poi trasferito in un altro campo di lavoro nel 1944 e riuscì a tornare in Italia nel 1945, dopo la Liberazione dal nazi-fascismo.

Ho partecipato con commozione alla cerimonia organizzata dalla Prefettura, per rendere partecipe Carmagnola di questo momento importante, dedicato al nostro concittadino Domenico Saroglia, che ha subito la deportazione -commenta la sindaca GaveglioQueste iniziative sono importanti per mantenere sempre viva la memoria della nostra Storia e per testimoniare la vicinanza delle istituzioni alle famiglie che sono state vittime della violenza del conflitto”.

La carmagnolese Leonella Cardinali premiata da Mattarella