Poirino: approvato il nuovo Piano di Protezione Civile

278

Nel Comune di Poirino è stato approvato il nuovo Piano di Protezione Civile per la gestione delle emergenze. Individuate modalità e aree di emergenza sul territorio.

Poirino protezione civile
Il piano prende in considerazione diversi tipi di emergenza, tra le quali l’allerta metereologica

Durante l’ultimo Consiglio comunale di Poirino è stato approvato il Piano di Protezione Civile, un documento elaborato per la prevenzione e la gestione delle emergenze.

Il Piano è stato redatto dall’architetto Gianfranco Messina e analizza in modo dettagliato i rischi presenti sul territorio poirinese e le modalità di intervento. Lo scopo del piano è organizzare le attività di monitoraggio e assistenza alla popolazione.

#Iononrischio 2020, la campagna di protezione civile è online

Il documento è suddiviso in due sezioni: una parte più generale in cui viene fatta una previsione dei rischi e una più operativa in cui vengono illustrate nel dettaglio le procedure da seguire in caso di crisi e la divisione dei compiti tra operatori e Amministrazione.

Vengono presi in considerazione diversi tipi di emergenze, dai rischi meteorologici, legati a fenomeni naturali quali precipitazioni piovose intense di carattere temporalesco, grandinate, forti nevicate a bassa quota, trombe d’aria, raffiche di vento o prolungati periodi di siccità, fino a calamità naturali quali gli eventi sismici. Vengono anche esaminati avvenimenti come gli incidenti d’auto o la diffusione di sostanze tossiche nell’aria.

Una motopompa contro le alluvioni per la Protezione Civile di Lombriasco

Nella parte finale del documento si può trovare un elenco delle aree di emergenza che sono distinte in tre diverse tipologie: aree di ammassamento soccorritori e risorse, aree di attesa della popolazione e centri di assistenza della popolazione, per il ricovero dei cittadini evacuati.

Nel Comune di Poirino le aree di emergenza sono le seguenti: piazza Morioni, piazza Cesare Pavese, la scuola media su corso Fiume e la scuola dell’infanzia e il nido su Strada vecchia delle Poste, il centro polifunzionale in via Carlo Alberto Dalla Chiesa, l’oratorio San Luigi, il campo sportivo comunale in via Fonte Antico, il piazzale di Via Monviso in frazione Avatanei, il campo sportivo in frazione Favari, il piazzale di via Maria Grosso e la scuola primaria in frazione Marocchi.

Un “reparto volo” per la Protezione civile di Carmagnola