Raccolta firme a Villastellone contro il deposito di rifiuti radioattivi a Carmagnola

450

Sabato 16 si terrà una raccolta firme a Villastellone contro la possibile installazione di un deposito di rifiuti radioattivi a Carmagnola: incontro dalle ore 9:30 alle ore 12 in piazza Libertà.

Villastellone raccolta firme contro i rifiuti radioattivi
Arriva anche a Villastellone la raccolta firme contro il possibile deposito di rifiuti radioattivi a Carmagnola

Anche Villastellone si unisce all’azione degli altri Comuni e organizza la prima raccolta firmeNo al deposito di rifiuti radioattivi a Carmagnola”, che si svolgerà domani, sabato 16 gennaio, dalle ore 9:30 alle ore 12 in piazza Libertà.

L’obiettivo è di dare la possibilità ai villastellonesi di fare sentire la propria voce relativamente alla possibile installazione del deposito nazionale delle scorie nucleari nel limitrofo Comune di Carmagnola.

Firme anti nucleare a Carmagnola, la petizione va online

Si tratta in ogni caso di un primo appuntamento, a cui ne seguiranno altri, in modo da non creare assembramenti e di garantire il rispetto delle norme anti-contagio.

Tra i numerosi gruppi che si schierano a fianco di Carmagnola, vi è anche l’Associazione Agricoltori Allevatori di Villastellone.

A questo proposito, il presidente dell’Associazione, Simone Gili, spiega: “Abbiamo investito molta energia (e non solo) per avere una zona pulita e i risultati che abbiamo ottenuto fino ad adesso sono buoni: non a caso il nostro territorio, oltre ad essere un’area densamente coltivata con diverse aziende zootecniche e con un’oasi WWF, presenta delle eccellenze in termini agricoli e agroalimentari”.

Villastellone, scorie nucleari: anche il sindaco Principi dice “no”

La zona presenta infatti diversi prodotti agricoli e agroalimentari –come il peperone di Carmagnola, la tinca di Poirino e la patata di Villastellone- che la stanno guidando verso la costituzione del Distretto del Cibo del Chierese e del Carmagnolese.

A queste motivazioni, la vicepresidente dell’Associazione villastellonese, Claudia Masera, aggiunge: “Non bisogna dimenticare che Carmagnola è anche uno dei siti individuati dall’Unesco che è stato inserito nella Riserva di Biosfera MAB Collina Po”.

Concludono gli allevatori e agricoltori di Villastellone: “Non capiamo secondo quale logica il Ministero e il Sogin abbiano inserito Carmagnola in questa lista: in ogni caso, appoggiamo in pieno l’azione del sindaco Francesco Principi e speriamo che venga trovata una soluzione al più presto”.

Deposito nucleare a Carmagnola, Nicco: “la Regione Piemonte sia a fianco dei Comuni”