I buoni spesa a Carmagnola arriveranno tramite Satispay

2764

A breve disponibili i buoni spesa erogati dal Comune di Carmagnola per l’emergenza Coronavirus. Con un’innovazione tecnologica: l’utilizzo della piattaforma online Satispay, per acquisti direttamente da smartphone.

buoni spesa coronavirus carmagnola satispay
Carmagnola è il secondo Comune in Italia, dopo Milano, a utilizzare Satispay per l’erogazione dei buoni spesa alimentari previsti per l’emergenza Coronavirus

In partenza dalla prossima settimana l’erogazione da parte del Comune di Carmagnola dei buoni spesa previsti nell’ambito dell’iniziativa “Solidarietà alimentare” promossa dal Governo.

I buoni verranno erogati una tantum, con i seguenti importi:

  • 200 euro per nuclei di 1 o 2 componenti
  • 250 euro per nuclei di 3 o 4 componenti
  • 300 euro per nuclei di 5 o più componenti

Il Comune, secondo in Italia dopo Milano, ha messo a punto una modalità innovativa per consegnare i soldi ai beneficiari, che permette anche di garantire il loro effettivo utilizzo per gli scopi previsti.

Anziché tramite buoni spesa cartacei, come in gran parte degli altri Comuni, a Carmagnola gli importi verranno accreditati sulla piattaforma tecnologica Satispay, che permetterà di spenderli nei vari esercizi commerciali convenzionati, esattamente come se fossero moneta elettronica.

Il Comune, vagliate le domande pervenute, comunicherà a Satispay i dati degli utenti per i quali la domanda di buono spesa è approvata e il relativo importo assegnato.

Sostegno alimentare: in arrivo anche a Carmagnola i “Buoni Spesa”

Gli utenti che hanno già scaricato l’App sul proprio telefonino troveranno l’accredito nel borsellino elettronico. Chi non ha ancora l’App, riceverà un sms o un’email da Satispay con un link per accedere e utilizzare il credito del buono spesa.

I beneficiari, se non ancora iscritti a Satispay, potranno aderire gratuitamente scaricando l’app per smartphone o tablet da App Store (Apple) o Play Store (Android), seguendo il link che verrà via email o via Sms -spiegano dal Comune- Non occorre avere un conto corrente con un Iban di appoggio (servono un numero di telefono cellulare e un indirizzo email, ndr), il servizio non prevede alcun costo per i beneficiari, né costi di iscrizione, canoni o alcun altro costo nascosto“.

Numerosi gli esercizi commerciali convenzionati: l’elenco aggiornato è pubblicato sul sito internet del Comune e comunicato ai beneficiari del bonus spesa alimentare, ovvero famiglie residenti a Carmagnola che si sono trovate in difficoltà per assenza di reddito o perdita del lavoro a causa del COVID-19.

I negozi di Carmagnola in cui è possibile spendere il buono spesa digitale saranno anche identificati direttamente nell’App, attraverso una lista che viene giornalmente aggiornata con i nuovi punti vendita aderenti.

I buoni possono essere utilizzati solamente per l’acquisto di generi alimentari, farmaci o prodotti di prima necessità, compresi quelli in promozione. Non sono compresi, invece, alcolici (vino, birra e super alcolici vari), alimenti e prodotti per gli animali, arredi e corredi per la casa (ad esempio le stoviglie).

Il buono telematico non dà diritto a resto in contanti e, qualora non copra l’intero ammontare della spesa effettuata, comporta l’obbligo per il fruitore di regolare in contanti l’eventuale differenza in eccesso tra il valore nominale del buono e il prezzo dei beni acquistati.

Satispay è risultato essere uno strumento particolarmente semplice e rapido, che consente di abbattere totalmente i costi di distribuzione e di trasferire ai cittadini l’intero valore dei fondi stanziati in modo immediato, attraverso un vero e proprio borsellino elettronico all’interno dell’App“, commentano dal Comune.

Coronavirus: centro di distribuzione dei pacchi alimentari a Carmagnola

Per gli utenti che avessero difficoltà a scaricare l’App, agli Antichi Bastioni sarà a disposizione del personale per l’installazione e le istruzioni di utilizzo di Satispay negli orari di apertura del Centro di Distribuzione (da lunedì a venerdì, dalle 15 alle 18).

Già utilizzato da oltre un milione di persone, il nostro è un circuito alternativo alle carte di credito e debito efficiente, conveniente e sicuro -spiegano dalla società che gestisce l’App scelta dal Comune di CarmagnolaCome valore aggiunto, figura la possibilità per gli esercenti di offrire agli utenti finali un rimborso sulla spesa effettuata, il cosiddetto cashback, oltre al recente servizio “Consegna e Ritiro” che permette agli esercenti di ricevere gli ordini telefonicamente, richiedere e accettare i pagamenti tramite App, semplificando così le operazioni e senza alcuna contatto con il Pos“.

Commenta Alberto Dalmasso, amministratore delegato di Satispay: “Siamo davvero felici di supportare i Comuni italiani nell’attuazione delle urgenti misure di solidarietà rivolte a chi si è trovato in difficoltà a seguito dell’emergenza sanitaria. Carmagnola è il secondo comune che sceglie noi (dopo Milano, ndr) con l’obiettivo di poter accelerare e semplificare al massimo le procedure di spesa. La nostra piattaforma offrirà ai beneficiari dei buoni spesa il vantaggio di poter usufruire del contributo in maniera immediata, facile e intuitiva in tutti i punti vendita di alimentari e le farmacie carmagnolesi aderenti al network Satispay“.