Carmagnola, primo bilancio per il Tavolo Sostenibilità

177

Il Tavolo Sostenibilità di Carmagnola ha fatto un bilancio del primo semestre di attività, in un incontro aperto ai consiglieri di maggioranza e di opposizione.

Tavolo Sostenibilità di Carmagnola
Qualità dell’aria, PUMS, deposito nucleare e nuovo Piano Regolatore sono stati i temi al centro delle attività del Tavolo Sostenibilità di Carmagnola

In una riunione aperta all’Amministrazione e ai consiglieri comunali di maggioranza e di opposizione, il Tavolo Sostenibilità di Carmagnola ha fatto un bilancio del primo semestre di attività e degli obiettivi per i prossimi mesi.

Il Tavolo è nato dopo il primo lockdown e si riunisce regolarmente da settembre; ne fanno parte le associazioni Legambiente e Pro Natura e i comitati “Gruppo di cittadini di San Michele e Grato”, “Salsasio Vivibile” e “Vivi il Centro Storico”.

Tavolo Sostenibilità a Carmagnola, appunti sul nuovo piano regolatore

Abbiamo realizzato finora otto incontri di confronto e coordinamento per analizzare lo stato della qualità dell’ambiente e della vita a Carmagnola ed elaborare attività e proposte per una città più sostenibile e resiliente“, dichiarano i protagonisti.

Negli ultimi due mesi, il Tavolo ha ultimato la fase operativa della campagna #CheAriaTira2021.

Inquinamento: torna la campagna #CheAriaTira a Carmagnola e Carignano

“Nella prima edizione pre-Covid, grazie alla grande partecipazione dei cittadini, è stato possibile analizzare il biossido d’azoto, indicatore dell’inquinamento atmosferico urbano, in ben 105 punti della città -spiegano da Legambiente, che ha portato anche a Carmagnola l’iniziativa nata a Torino Quest’anno, con il supporto economico e di campo del Tavolo, è stato possibile analizzare la qualità dell’aria in 31 punti della città, mantenendo invariate le postazioni nei recettori sensibili, nelle arterie principali di accesso alla città e nei punti più critici rilevati nel 2020“. I risultati 2021 saranno presentati nelle prossime settimane, non appena sarà disponibile l’esito delle analisi di laboratorio.

Questa attività si è aggiunta a quelle relative all’analisi della documentazione finale del PUMS cittadino, alla discussione sul deposito nazionale Sogin per le scorie nucleari (le cui osservazioni sono poi state sviluppate sia localmente sia a livello regionale in particolare da Legambiente e Pro Natura), alla fase partecipativa alla Variante del Piano Regolatore, oltre alla progettazione di iniziative di sensibilizzazione ed educazione civica.

Prosegue l’attività del Tavolo Sostenibilità di Carmagnola

Approfondendo quindi gli argomenti legati a PUMS, vivibilità dei borghi e riqualificazione del tessuto urbano, è seguita una replica della sindaca Ivana Gaveglio alle nostre richieste e successivi interventi dai rappresentanti dei gruppi consiliari -commentano dal Tavolo- Nel corso della riunione è stato riconosciuto dai presenti un bilancio fin qui positivo delle attività e si è quindi instaurato un dialogo: da parte nostra, abbiamo chiesto a tutti i rappresentanti politici un impegno ad approfondire nei prossimi mesi quanto già fin qui sviluppato e gli scenari e obiettivi di interesse collettivo presentati”.

I lavori del Tavolo Sostenibilità di Carmagnola proseguiranno con una nuova riunione in programma nella seconda metà di aprile, come sempre aperta a tutta la popolazione. Per partecipare, contattare Valentina Chiabrando al 347-2727824 o via email a ilplatano.legambiente@gmail.com.

Pums: Carmagnola può diventare una città a misura di bicicletta