Prosegue l’attività del Tavolo Sostenibilità di Carmagnola

920

Deposito nucleare, ma non solo: va avanti, a 360 gradi, l’impegno del Tavolo Sostenibilità di Carmagnola per valorizzare le risorse ambientali.

Tavolo Sostenibilità di Carmagnola
Lo sviluppo della mobilità dolce resta al centro dell’attenzione da parte del Tavolo Sostenibilità di Carmagnola

Attenzione al tema del deposito nucleare, ma anche ad altri aspetti legati alla tutela del territorio e allo sviluppo eco-compatibile: vanno avanti a 360 gradi i lavori del Tavolo Sostenibilità di Carmagnola, che ha mosso i primi passi lo scorso maggio.

Siamo ovviamente attenti al possibile insediamento del deposito nazionale Sogin per le scorie nucleari, che è stato oggetto di approfondita discussione nell’ultima seduta del Tavolo -spiegano i membri, che fanno parte delle associazioni cittadine Legambiente Il Platano, Pro Natura, Comitato Salsasio Vivibile, Comitato Vivi il Centro Storico e Gruppo di San Michele e Grato- Nella speranza che quest’ultimo non “fagociti” tutte le attenzioni sul futuro della nostra città, ci piacerebbe una Carmagnola coraggiosa e consapevole delle sue grandi potenzialità in tema di valorizzazione del territorio, mobilità attiva e rispetto del proprio ricco contesto sociale, culturale e ambientale“.

Deposito nucleare, primo confronto tra Sogin e i territori del Piemonte

Il Tavolo, quindi, ha aderito attivamente alla fase partecipativa della variante al Piano Regolatore ed ha analizzato con attenzione il documento ufficiale sul PUMS – Piano Urbano della Mobilità Sostenibile.

Abbiamo inviato una comunicazione all’Amministrazione comunale a mezzo PEC per ulteriori osservazioni su temi puntuali -sottolineano dal Tavolo Sostenibilità di Carmagnola- Ad esempio, come molti cittadini, siamo convinti che non sia necessario aspettare la tangenziale per sperimentare una nuova viabilità più attenta alle persone, con ampie zone pedonali sia in centro che negli altri quartieri e frazioni dove, finalmente, pedoni e ciclisti non debbano più essere considerati elementi di serie B rispetto ai veicoli a motore, che ad oggi la fanno sempre da padroni“.

Città dei 15 minuti, un modello urbano sostenibile basato sulla prossimità

Il Tavolo guarda anche alle prossime votazioni amministrative, in programma nel corso del 2021 (anche se in data ancora da definire, a causa della pandemia): “Siamo convinti che tutte queste tematiche siano più che mai attuali e debbano essere seriamente messe al primo posto da ogni Amministrazione, anche da quella che emergerà dalle prossime elezioni comunali“.

I partecipanti si ritengono soddisfatti del percorso fin qui svolto: “Come gruppi ambientalisti e comitati spontanei di cittadini, abbiamo sentito la necessità di conoscerci e coordinarci per essere più incisivi in città sui temi che riguardano l’ambiente, la mobilità sostenibile e più in generale una qualità di vita migliore per tutti i carmagnolesi -raccontano- Ci siamo incontrati più volte, in presenza e online, per confrontarci e consolidare la nostra comune voglia di essere un occhio vigile e propositivo sui temi di natura ambientale e sociale della nostra amata città. Seppur caratterizzati da storie personali, inclinazioni politiche e opinioni eterogenee abbiamo trovato passo dopo passo una sintesi per discutere e mettere in atto attività e azioni comuni per il bene della Carmagnola di oggi e domani“.

Tavolo Sostenibilità a Carmagnola, appunti sul nuovo piano regolatore

Per ogni informazione sulle attività del Tavolo Sostenibilità di Carmagnola e suggerimenti, contattare Valentina Chiabrando all’indirizzo ilplatano.legambiente@gmail.com o al numero 347-2727824.