Ex Ilva, Racconigi: prorogata la cassa integrazione fino al 26 giugno

818

Si è svolto nei giorni scorsi un nuovo incontro tra i vertici dell’ex Ilva e i sindacati: la cassa integrazione è stata prorogata per altri tre mesi.

ilva cassa integrazione
Cassa integrazione fino al 26 di giugno per i lavoratori dell’ex Ilva di Racconigi

Si è svolta nei giorni scorsi una riunione tra i vertici aziendali dell’ex Ilva e i sindacati per discutere del futuro dello stabilimento di Racconigi: la cassa integrazione per i lavoratori è stata prorogata fino al 26 giugno 2021.

Siamo riusciti a far salire il numero di operai che lavoreranno a rotazione in azienda da 90 a 95 -spiega Corrado Denaro, sindacalista della Fiom-Cgil provinciale- Continuano però ad esserci delle criticità per quanto riguarda gli investimenti nella struttura che necessita di lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria”. 

“ArcelorMittal, servono manutenzioni”: allarme in Consiglio regionale, anche per Racconigi

É comunque un periodo di incertezza per l’azienda a livello nazionale, dopo che, nei mesi scorsi, era stato dato il via libera dell’Anti-Trust europeo per permettere il controllo congiunto Invitalia-ArcelorMittal degli stabilimenti italiani.

L’Arcelor ha minacciato nei giorni scorsi un rallentamento negli investimenti, dal momento che Invitalia non ha ancora versato la sua quota di capitale. Ora la situazione pare essersi distesa, con la promessa che gli investimenti della parte italiana arriveranno entro la metà di maggio 2021.

Intanto, due sono le buone notizie che riguardano lo stabilimento di Racconigi: dal primo aprile verrà effettuata l’assunzione di un’impiegata a tempo indeterminato e, nei giorni scorsi, sono stati somministrati i tamponi per il Covid-19 ai dipendenti che, fortunatamente, sono risultati tutti negativi.

Nubi nere sul futuro dello stabilimento ex Ilva di Racconigi