Le interpellanze animano il Consiglio comunale di Carmagnola

719

Autocertificazioni, riapertura del pronto soccorso, contagi nelle RSA e riduzione Tari per le utenze non domestiche tra i temi toccati in alcune delle interpellanze discusse dal Consiglio comunale di Carmagnola di maggio 2020.

Municipio comune Consiglio comunale Carmagnola
La seduta di maggio 2020 del Consiglio comunale di Carmagnola si è ancora svolta online a causa dell’emergenza sanitaria

Le interpellanze delle Opposizioni alla Giunta Gaveglio hanno caratterizzato la prima parte della seduta del Consiglio comunale di Carmagnola di maggio, svoltosi online come misura anti-contagio da Covid-19. Questi alcuni dei temi affrontati.

Verifica delle autocertificazioni

I consiglieri del Movimento 5 Stelle hanno chiesto informazioni sui metodi di controllo adottati per le autocertificazioni raccolte durante la distribuzione dei pacchi alimentari.
La verifica dei dati forniti è stata realizzata tramite l’incrocio di banche dati, comunali ed extra-comunali -ha spiegato il vicesindaco Vincenzo Inglese, ricordando come la misura abbia interessato circa il 10% delle famiglie carmagnolesi- Dove sono stati riscontrati elementi discordanti, si è provveduto a bloccare la distribuzione. Sono state interrotte anche le consegne plurime a membri dello stesso nucleo famigliare nonché a residenti al di fuori del Comune“.
Le modalità di assegnazione dei buoni spesa tramite Satispay, inoltre, ha permesso di evitare che i fondi per gli aiuti alimentari venissero spesi per beni voluttuari.

Chiusura notturna del Pronto Soccorso

Il Consiglio ha quindi affrontato il tema della chiusura temporanea del Pronto Soccorso carmagnolese in orario notturno, in vigore dallo scorso 27 marzo per consentire l’impiego del personale nei reparti Covid-19.
L’assessore regionale alla Sanità, Icardi, ha da subito dichiarato che si tratta di una misura temporanea, legata alla situazione di emergenza -ha dichiarato il sindaco Ivana GaveglioAl momento la Regione ipotizza la riapertura del pronto soccorso h24 nella prima parte dell’estate, mentre il direttore generale dell’Asl TO5 Uberti mi ha specificato che ciò potrebbe avvenire già a giugno, salvo un’inversione della curva dei contagi“.

Contagi da Covid-19 nelle RSA carmagnolesi

Il M5S ha chiesto informazioni anche sui contagi nelle residenze socio-assistenziali (RSA) del territorio cittadino: “Qual è la situazione aggiornata dei contagi nelle case di riposo carmagnolesi, tra anziani ospiti e personale sanitario?“.
La risposta è venuta dal sindaco, Ivana Gaveglio: “Ho scritto all’Unità di Crisi della Regione Piemonte, che ha costituito un’area apposita per le RSA. Alla data del 18 maggio, data dell’ultimo monitoraggio, il totale di ospiti e operatori è di 325, di cui 96 positivi su 267 tamponi somministrati. Il dato non contiene quindi il dato degli ultimi 52 tamponi, somministrati proprio il 18 maggio in una delle strutture cittadine“.

Il sindaco ha anche informato in merito al conteggio dei decessi di cittadini carmagnolesi riconducibili Covid-19, pari a 80 persone.
L’ufficio anagrafe ha messo a confronto i dati di quest’anno con lo stesso periodo del 2019, con 165 decessi totali in città nel trimestre marzo-maggio 2020 rispetto ai 130 dello scorso anno (+27%) e un picco nel mese di aprile“.

Riduzione Tari 2020 per le utenze non domestiche

Sempre dai consiglieri grillini è venuta la richiesta di chiarimenti in merito alla riduzione Tari 2020 per le imprese e attività commerciali, in merito anche ad alcune indicazioni arrivate da una delibera nazionale.
La questione è ancora da chiarire -ha dichiarato l’assessore Massimiliano Pampaloni, citando il parere del Consorzio Chierese per i Servizi- Occorre capire a chi è in capo la copertura economica di eventuali sconti, dato che nel nostro Comune gli introiti della tariffa rifiuti per le utenze non domestiche ammonta a due milioni di euro all’anno. Possono inoltre esserci conflitti di competenze tra Enti“.
Pampaloni ha quindi aggiunto che la Giunta sta studiando misure a livello comunale, compreso un acconto più basso (con dilazione a costo zero) da unirsi ai minori costi legati alla riduzione degli svuotamenti per le attività rimaste chiuse e a un eventuale ulteriore riduzione.

Un’ulteriore interpellanza dei pentastellati ha riguardato lo smaltimento degli animali d’affezione.
Il Partito Democratico ha invece chiesto un aggiornamento sulla situazione degli asili e dei centri estivi comunali per l’estate 2020.

Centri estivi a Carmagnola: allo studio le misure anti-contagio