Vaccinazione, lettera aperta di Italia Viva a Cirio e ai sindaci

156

Italia Viva della Provincia di Torino ha inviato una lettera aperta al presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, e ai sindaci, per sollecitare una vaccinazione diffusa.

Italia Viva vaccinazione
Italia Viva sollecita la preparazione di un piano di vaccinazione di massa anti-Covid

Italia Viva della Provincia di Torino ha inviato una lettera aperta al presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, e ai sindaci, per sollecitare una vaccinazione diffusa. Questo il testo:

Considerando che, pur con molte difficoltà, si è avviata in tutto il Paese la campagna di
vaccinazione contro il Covid-19.

Considerando che i vaccini oggi a disposizione necessitano di una organizzazione logistica altamente specializzata e pertanto possono essere utilizzati solo in centri ad hoc attrezzati.

Vaccino anti-Covid nel Carmagnolese, il piano dell’Asl TO5

Considerando tuttavia imminente la disponibilità di una serie di presidi vaccinali di più facile
utilizzo sul territorio nazionale e destinati ad un piano vaccinale esteso alla totalità della popolazione.

Considerando come fondamentale il ruolo che i medici di medicina generale possono svolgere all’interno di una strategia vaccinale diffusa.

Considerando che i Comuni possono svolgere un’importante funzione in questo frangente, mettendo a disposizione locali pubblici per la vaccinazione, coordinando in accordo con i medici di base del proprio territorio le operazioni di vaccinazione della popolazione residente.

Asl TO5, oltre 500 vaccinazioni anti-Covid nella prima settimana

Il Coordinamento di Italia Viva Provincia di Torino invita le Istituzioni in indirizzo ad attivarsi affinché, superata questa prima fase di vaccinazione ristretta ad alcuni soggetti specificamente individuati ed in presenza di presidi vaccinali che necessitano della normale gestione, come per i vaccini antinfluenzali, si possa dare avvio ad un piano di vaccinazione celere, utilizzando la rete diffusa di risorse professionali presenti nell’ambito della medicina pubblica territoriale o presso la sanità convenzionata e le strutture comunali pubbliche (aule, centri polivalenti, palazzetti sportivi), come in molte realtà si è fatto e si sta facendo per le operazioni di tamponamento.

Coordinamento di Italia Viva Provincia di Torino
Mariangela Ferrero – Roberto Gentile