La Fiera del Peperone di Carmagnola 2021 ha superato l’esame-pandemia

1532

Promossa a pieni voti l’edizione 2021 della Fiera del Peperone di Carmagnola, tornata il più possibile alla “normalità” pur nel rispetto delle norme anti-Covid: registrati oltre 150 mila visitatori, con 130 tonnellate di peperoni venduti.

Fiera del Peperone Carmagnola
Uno degli stand dei produttori di peperone di Carmagnola alla Fiera 2021: complessivamente sono state vendute oltre 130 tonnellate di prodotto

Nonostante le note difficoltà legate all’emergenza sanitaria legata al Covid-19, l’edizione 2021 della Fiera nazionale del Peperone di Carmagnola si è chiusa con successo, dopo dieci giorni che sono stati in gran parte molto simili al 2019 e agli anni precedenti la pandemia.

Non sono stati segnalati problemi organizzativi di rilievo e sono stati registrati circa 150 mila visitatori complessivi, con circa 130 mila chilogrammi di peperoni venduti e 750 kg di “Pane della Fiera”, venduto a scopo benefico.

Nella prima domenica di Fiera, il 29 agosto, ai mercati generali di Torino non si trovavano i peperoni di Carmagnola, tutti riservati alla kermesse cittadina per via della grande richiesta dei due giorni precedenti“, sottolineano gli organizzatori.

Fiera del Peperone Carmagnola
Piazza dei Sapori, di nuovo “cuore” eno-gastronomico della Fiera del Peperone di Carmagnola

In un’area espositiva di oltre 10 mila metri quadri, con otto piazze dedicate di cui sei enogastronomiche, per un totale di 2500 posti a sedere e oltre 200 espositori, i visitatori hanno trovato tante proposte a cavallo tra gusto, cultura e attualità, con talk e show cooking, cene di qualità, street food, concerti e spettacoli di vario genere, iniziative solidali, area bimbi, oltre alla consueta rassegna commerciale.

Da sottolineare, inoltre, la sempre maggiore apertura a livello nazionale e internazionale, con produttori da tutta Italia e dall’estero che hanno presentato le proprie eccellenze in stand e degustazioni.

La Piazza dei Sapori -ovvero piazza Mazzini, trasformata tradizionalmente per la Fiera in un grande ristorante all’aperto- è stato come sempre il fulcro principale delle offerte enogastronomiche, con tantissime persone che l’hanno riempita costantemente in tutti i suoi posti contingentati, dalle ore 18 dei giorni infrasettimanali e dalle ore 10 dei fine settimana. Pecca principale, secondo le lamentele di diversi visitatori, i prezzi di alcuni cibi, ritenuti troppo elevati.

Il peperone di Carmagnola è in ottima forma, ma mancano i giovani

Ottima risposta di visitatori anche per il Villaggio del Peperone e del Territorio, progetto di agricoltura da vivere a 360° proposto in viale Garibaldi con street-food agricoli proposti in collaborazione con la Società Orticola di Mutuo Soccorso “D. Ferrero”, con il Distretto del Cibo Chierese-Carmagnolese e il Consorzio del Peperone di Carmagnola.

Buoni riscontri anche per la nuova iniziativa Cà Peperone, la casa delle eccellenze enogastronomiche carmagnolesi, a cura dello specialista di food event Marco Fedele con laboratori, talk show e cooking show, tra scrittori, chef, food blogger e altri ospiti di prestigio. In quattro giorni -con una platea di 30 posti a sedere- ha coinvolto circa 500 persone in 15 iniziative proposte tra laboratori, degustazioni, scuola di cucina e incontri.

Di alta qualità i prodotti presentati al tradizionale Concorso del Peperone, con alcuni eccezionali esemplari che sono stati valutati in peso e dimensioni da una Giuria di coltivatori del Consorzio di Carmagnola e la presentazione del conduttore Tinto. Tra i premiati, un peperone trottola di 0,898 kg della azienda Mairone F.lli di Carignano e un peperone quadrato di 0,894 kg della azienda di Fiorina Renata di Lombriasco.

Giusy Ferreri sul palco del Foro Festival 2021 a Carmagnola

I concerti de “Il Foro Festival” e gli spettacoli gratuiti -organizzati nell’area di Piazza Italia con un grande palco e mille posti a sedere- hanno ottenuto un grande riscontro di pubblico registrando il sold out in gran parte degli appuntamenti.

Tutti gli artisti ospiti –tra i quali Giusy Ferreri, Noemi, Arturo Brachetti, Sagi Rei e la eXplosion Band– hanno espresso, anche nei loro canali social, grandissimi apprezzamenti e ringraziamenti per la perfetta organizzazione tecnico-logistica, per la comunicazione dedicata e per l’accoglienza ricevuta.

Tutto esaurito anche al salone fieristico alimentare di viale Garibaldi per le dieci cene di qualità e due pranzi della domenica, preparati con prodotti di eccellenza e a cura del ristorante “La cucina piemontese” di Vigone.

Peperoni, benefici e proprietà di un gustoso ortaggio multicolore

Anche l’iniziativa denominata “Salotto della Fiera” -che ha proposto cinque appuntamenti quotidiani in presenza sul palco di Piazza Sant’Agostino e in streaming sulla pagina Facebook della manifestazione– ha registrato buoni dati di visualizzazioni del pubblico da casa.

Per il terzo anno consecutivo, la Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro Onlus è stata charity partner della manifestazione, con diverse iniziative ad essa dedicate.
Ogni giorno un medico è stato ospite di uno dei talk show del Salotto della Fiera sui temi della prevenzione ed è stata dedicata alla Fondazione una delle cene di qualità organizzate con il sostegno della Bcc di Casalgrasso e Sant’Albano Stura con buona parte del ricavato destinata al loro prezioso lavoro di ricerca.

Il 4 settembre si è svolto il charity-happening “Buon Compleaano Candiolo” nel quale è stato consegnato un assegno di 1.500 euro, frutto delle donazioni raccolte dalle iniziative messe in campo da Renata Cantamessa “Fata Zucchina” con il calendario #PeperonarioGreen -2.800 copie distribuite a fronte di una donazione- e le serie web-social #peperenata e #FrienDelivery che hanno coinvolto tanti bambini e chef.

Fiera del Peperone Carmagnola
L’assegno da 1.500 euro consegnato alla Fondazione per la Ricerca sul Cancro

Successo anche per l’angolo “Bimbi in Fiera” nei giardini Unità d’Italia, sempre pieno di bambini e famiglie grazie al villaggio indiano, ai bellissimi animali di Natural Farm e agli spettacoli proposti a cura del Folletto Piluca’x, tra i quali letture animate a cura della Biblioteca Civica Rayneri-Berti.

Sono state molto numerose anche le visite ai musei carmagnolesi a cura dell’Assessorato alla Cultura e dell’Associazione MuseInsieme, tra le quali “Ascendenze. Il presente nel passato”, mostra a cura di Armando Audoli in collaborazione con l’Associazione Piemontese Arte e allestita a Palazzo Lomellini: proseguirà fino a fine ottobre.

Dopo quella del 2019, questa edizione della Fiera del Peperone di Carmagnola è stata la seconda anti-spreco alimentare grazie alla collaborazione con Cuki, che ha fornito 7200 piatti in alluminio prodotti con alluminio riciclabile al 100%, e oltre 3.500 Cuki Save Bag distribuite ad espositori ed esercenti della città.

“Ascendenze: il passato nel presente” a Palazzo Lomellini di Carmagnola

Ottimo anche il riscontro che la kermesse ha ottenuto su testate ed emittenti locali e nazionali, oltre ai social network, con oltre 250 mila persone raggiunte e circa 60 mila interazioni solo su Facebook.

Soddisfatto l’assessore alle manifestazioni e vicesindaco, Vincenzo Inglese: “Ovviamente, vista la pandemia tutt’ora in corso, non siamo arrivati ai numeri del 2019, ma è stata ugualmente una grande Fiera, soprattutto a livello qualitativo“.

Promossa anche la gestione del Green Pass, richiesto solo nelle aree spettacoli e in quelle destinate al consumo di cibi e bevande, secondo un protocollo concordato con la Prefettura e modalità che la Fiera del Peperone di Carmagnola è stata tra le prime a sperimentare a livello nazionale.

Sono stati eseguiti controlli accurati, grazie anche all’impiego di 35 persone di una società di vigilanza, che hanno verificato il rispetto tutte le norme di sicurezza, non solo legate al Covid ma anche quelle anti-incendio -conclude Inglese- Abbiamo fatto bene a insistere per fare la Fiera, con queste modalità, e ringrazio per questo tutti quelli che hanno lavorato all’organizzazione e alla gestione, oltre ai tanti volontari che, ancora una volta, hanno dato il loro prezioso contributo alla città“.

Fiera del Peperone di Carmagnola 2021, tutto il programma e le info